Acciaio da carpenteria metallica prima della CNR1011

M. Gasali

Member
Messaggi
15
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
oltre 20
Regione
  1. Toscana
CAD/BIM
  1. Altro Sw
Soft. strutture
  1. Altro Sw
Buongiorno, chiedo soprattutto a quelli piu attempati le tensioni ammissibili utilizzate prima della CNR10011, in particolare attorno al 1930

dello scorso secolo quali acronimi avevano gli acciai, che tensione "ammissibile" avevano? o sono sempre stati minimo Fe360? In particolare per i profilati

IPN uni 5679 che venivano già utilizzati. O magari qualcuno ha un "belluzzi" o un "nartergardth" cioè un vecchio libro, dove è riportato un esempio?

Grazie anticipatamente saluti
 
Non servono gli attempati bensì gli obsoleti (come me) !!
In questo forum : INGWIKI - strutture - profili (metallici obsoleti) - ultima voce (storia completa dell'acciaio etc) dove ho raggruppato alcune delle voci precedenti nell'elenco per rispondere alla tua richiesta
 
Non servono gli attempati bensì gli obsoleti (come me) !!
In questo forum : INGWIKI - strutture - profili (metallici obsoleti) - ultima voce (storia completa dell'acciaio etc) dove ho raggruppato alcune delle voci precedenti nell'elenco per rispondere alla tua richiesta
Grazie!! molto gentile. Andrò subito a vedere se riesco a risolvere la questione.
 
Se hai bisogno di una verifica con le Tensioni Ammissibili te la facciamo noi che siamo cresciuti con le T.A.
In ogni modo:
- i carichi sono quelli caratteristici (senza amplificazione)
- la sigma ammissibile = Tensione di snervamento / 1,5
Ciao.
 
Buongiorno Betoniera, siete gentilissimi. (La verifica la devo fare agli stati limite, comunque la so fare anche alle tensioni ammissibili quindi ragioniamo in tensioni ammissibili).
Il profilato sono riuscito a individuarlo dalle misure che ho preso in cantiere è un IPN 140, è un profilato di un solaio a tavelle in laterizio.
La costruzione è circa del 1930, guardando anche nei suggerimenti di Pisanel quel profilato è individuabile.

Ora non mi resta che individuare il tipo di materiale (non posso fare prove materiali).
Nella pubblicazione (sempre messa a disposizione di pisanel in particolare "Francia Historique_metaux_pour_construction_metallique") ho visto che già dal 1930 il carico al limite elastico era 360N/mm^2. A partire dal 1860 era compreso tra 240 e 280 N/mm^2.
Supponiamo che per sicurezza io assuma il caso 280N/mm^2.
Se facessi la verifica alle tensioni ammissibili userei un sigmaamm di 120N/mm^2. Secondo l'estrapolazione della tabella che allego, riga gialla. Vi torna la mia "estrapolazione"? ( ho guardato anche sul colombo di Pisanel ma riesco a leggerlo male, infatti sarebbe utilissimo un qualche esempio di un vecchio libro, forse il Belluzzi o altro per vedere che sigmaamm adottavano all'epoca).
 

Allegati

  • sigmaamm.jpg
    sigmaamm.jpg
    28,7 KB · Visualizzazioni: 10
INGWIKI - strutture - manuali di ingegneria e architettura degli albori - l'ingegnere sul posto di lavoro ...etc Barro 1934 pag 83 del PDF e poi anche questo esempio di calcolo del 1899
 

Allegati

  • solaio con voltine calcolo 1899.pdf
    645,2 KB · Visualizzazioni: 10
Ultima modifica:
INGWIKI - strutture - manuali di ingegneria e architettura degli albori - l'ingegnere sul posto di lavoro ...etc Barro 1934 pag 83 del PDF e poi anche questo esempio di calcolo del 1899
Grazie Pisanel. Il Barro pag 144 (pag83 del pdf), per acciao dolce da a trazione 1300kgf/cmq come carico di sicurezza, quindi già considerando il coefficiente di sicurezza. ( che è molto simile alla mia estrapolazione di 120N/mm^2 che ho postato, considerando un acciaio molto scarso). Provvederò anche a un controllo col manuale dell'architetto che mi hai suggerito. Grazie saluti
 
INGWIKI - strutture - manuali di ingegneria e architettura degli albori - l'ingegnere sul posto di lavoro ...etc Barro 1934 pag 83 del PDF e poi anche questo esempio di calcolo del 1899
Buongiorno Pisanel la tua documentazione mi è stata molto utile. Interessante è anche la premessa al calcolo dell'esempio 1899, le "discussioni" esistevano anche all'epoca!!! :).

Ho un'altra questione:
qualcuno di piu attempato come Pisanel se mi permette (..ma addirittura si è autodefinito obsoleto)
saprebbe dove posso reperire informazioni, su resistenza/portanza, su libri, pubblicazioni/cataloghi etc
del travetto prefabbricato che allego in immagine. E' degli anni 1960/70 riporta la scritta: TRAVE SE II PRATO (è alto 15cm circa , largo 12cm) è il travetto di una copertura di un edificio storico (in Toscana) che è stato rimaneggiato negli anni 60/70

(magari anche su cataloghi nuovi e attuali tanto per fare un confronto).

Grazie a tutti oltre che a Pisanel e faccio i complimenti a chi ha fatto il sito, saluti.
 

Allegati

  • travetto_tetto.jpg
    travetto_tetto.jpg
    49,2 KB · Visualizzazioni: 5
la sezione è molto simile a quella dei travetti precompressi della RDB (Celersapal) però il tuo ha dimensioni inferiori. Probabile un prefabbricatore locale
 
Scusa M.Gasali.
E' opportuno spostare la discussione nella sezione calcestruzzo, in modo da poterla facilmente ritrovare in futuro a chi interessa.
Anche se si tratta di un travetto prefabbricato (di qualche ditta locale), sicuramente poteva variare il numero di trefoli o trecce a seconda dell'occorrenza. Prova a vedere se riesci a vedere, sulla testa del travetto numero e disposizione delle trecce. Con quelle e le dimensioni del travetto puoi calcolare la resistenza col programma Gelfi.
Cambia sezione e ne parliamo.
Ciao.
Grazie Betoniera, ancora mi devo abituare al sito. C'è un modo specifico per spostarla o la devo ricreare?
 
Ultima modifica:
Grazie Betoniera, ancora mi devo abituare al sito. Ok.
la sezione è molto simile a quella dei travetti precompressi della RDB (Celersapal) però il tuo ha dimensioni inferiori. Probabile un prefabbricatore locale
Buonasera Pisanel, avevo guardato sul mio manualetto RDB ma probabilmente è troppo recente ( è del 2002) il Celersapal non c'è.
 
Salve ing. M. Gasali, salve a tutti.
Per quanto riguarda il travetto dovrebbe trattarsi del tipo facente parte del solaio VARESE, la cui scheda è raffigurata dalla seguente immagine
Scheda trave Varese-1.jpg


Data la qualità non ottimale dell’immagine, faccio presente che la doppia armatura è così costituita: due ferri superiormente e tre ferri inferiormente.
L’immagine è stata tratta dal libro: Materiali per Costruzioni. Autore: Domenico Lucchesi. Editore Ulrico Hoepli Milano. Anno 1976. Pagina 462.
Se servissero ulteriori informazioni di dettaglio su tale tipologia di solaio, resto a disposizione.
Alla prossima.
Apache54
 
per GASALI : INGWIKI - solai in laterocemento (Manuali RDB ci sono tutti)
 
Indietro
Top