Calcolo connessione con scarpa legno - c.a.

el ingeniero

Well-known member
Messaggi
281
Anni esperienza
10-20
Regione
  1. Abruzzo
CAD/BIM
  1. Autocad
  2. Altro Sw
Soft. strutture
  1. CDS WIN
Sto provando a calcolare il mio primo nodo legno-c.a. con scarpa. Ho considerato un vincolo di cerniera, non capisco perchè nel software (kipendoff) non posso affidare tutto il taglio alla scarpa in acciaio ma sono obbligato ad inserire un numero spropositato di viti che collegano il legno alla piastra.
 
forse è per il momento parassita, per cui si ha una situazione come questa
 

Allegati

  • connessione.jpg
    connessione.jpg
    46,7 KB · Visualizzazioni: 1
scusa ho preso fischi per fiaschi !

quando il collegamento è con scarpe, la reazione della scarpa sulla trave di legno si considera dovuta in parte alla lamiera di appoggio della base della scarpa ed in parte è assorbita per taglio dai chiodi di collegamento tra scarpa e trave di legno;

per trovare la ripartizione tra queste due aliquote, per quella sopportata dalla lamiera di base della scarpa si fanno in genere queste ipotesi:
- si considera metà scarpa (come se fosse tagliata in verticale) e il fondo (metà, visto in prospetto) si considera come una mensola vincolata all'ala verticale (ma invece, anche considerandola metà, sarebbe una piastra vincolata sia all'ala laterale sia alla piastra che è collegata al c.a.
- il carico massimo è pari a quello massimo di compressione trasversale del legno
- la zona di estensione di questo carico è tale da generare nella lamiera di base la tensione massima nel relativo acciaio

è quindi principalmente per un problema di schema statico usato, per cui i chiodi tra trave e scarpa portano una consistente aliquota del taglio

questo argomento l'ho trovato trattato nel libro di Stefano Cascio, Tettoie di legno, Grafill ed.
 
Ultima modifica:
per maggiore chiarezza, per il fondo della scarpa si assume uno schema, molto a vantaggio di sicurezza, come questo dove sono stati fatti dei tagli lungo le linee rosse tratteggiate
 

Allegati

  • scarpa1.jpg
    scarpa1.jpg
    70,9 KB · Visualizzazioni: 7
Ok non avevo approfondito l'argomento, anche se nella pratica mi pare assurdo.
Se già nello schema globale considero la cerniera, e quindi la freccia e le verifica di resistenza sono verificate, immaginando una trave con due appoggi con scarpa non capisco perchè non si possa far lavorare solo la scarpa.....
 
Sto provando a calcolare il mio primo nodo legno-c.a. con scarpa. Ho considerato un vincolo di cerniera, non capisco perchè nel software (kipendoff) non posso affidare tutto il taglio alla scarpa in acciaio ma sono obbligato ad inserire un numero spropositato di viti che collegano il legno alla piastra.
Forse non ho capito bene ma se la scarpa e' esterna, il taglio della trave in legno si scaricherà sulla scarpa che si scaricherà sulle viti... in definitiva sono le viti che lavorano
 
non so se può essere utile questo documento, da pag. 23 in poi

leggevo, nel sito promolegno, che c'erano degli esempi di calcolo nel sito dell'EOTA (oggi eota.eu) ma non sono riuscito a trovarli

P.S. con le nuove normative basta leggere solo poche righe, oltre al mal di testa, per perdere completamente il senso fisico dei problemi, tra un mare di apici, pedici, ecc., quindi non mi ci sono mai applicato
 
Ale321 è proprio quello che immaginavo io. Effettivamente approfondendo quanto detto da pasquale sembra che parte del taglio debba comunque essere assorbita dalle viti, che è un'assurdità, me la potrei cavare con una bella scarpa da 15mm di spessore e invece oltre ad una scarpa ridotta mi tocca aggiungere una decina di viti...
 
Indietro
Top