Calcolo Massa sismica Edificio in ca

fif1996!

Active member
Messaggi
30
Professione
  1. Stud. /tirocin.
Anni esperienza
0-1
Regione
  1. Campania
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. Ansys
  2. SAP2000
Salve a tutti, sono uno studente iscritto alla Magistrale di Ingegneria Civile. Sono alle prese con l'esame di progettazione di strutture. Volevo chiedere un'informazione in quanto ho un dubbio su come definire i m2 di ciascun impalcato (essendo questi utili per il calcolo dei pesi sismici). In particolare utilizzando a riferimento il libro di Ghersi (Edifici antisismici in cemento armato) mi viene indicato che:
la superficie totale di solaio per ogni impalcato tiene conto dell'area di travi e pilastri escludendo eventualmente area fori (ascensori);
la superficie scala ottenuta considerando due piani orizzontali passanti per l'interpiano superiore ed inferiore.
Nonostante queste definizioni risultino abbastanza chiare facendo dei calcoli non mi escono le superfici indicate da lui. Dunque suppongo che sbaglio qualcosa. Mi potreste delucidare? Grazie mille
 
Negli esempi di letteratura difficilmente riuscirai a trovare piena corrispondenza nei numeri per vari motivi (esempi ripresi da precedenti edizioni ma in parte modificati, errori di trascrizione, errori di calcolo veri e propri...).
Interessati alla procedura e all'ordine di grandezza.
 
La superficie per il calcolo dei solai è schematizzata nel seguente modo
Superficie.jpg
La massa sismica si calcola con la seguente combinazione

Combinazione sismica.jpg

Supponiamo di avere i seguenti carichi
1) G1 peso proprio
2) G2 permanenti (= ad esempio Sup*350 kg/m2
3) Q1 Sovraccarico (ad esempio Sup*200 kg/m2
4) Vento
5) Neve

La combinazione sismica (e quindi la massa) sarà
1,00*(1)+1,00+(2)+0,3*(3)+0*(4)+0*(5)
Il vento e la neve non si sommano alla massa sismica perchè il coefficiente psi2=0
Il sovraccarico si somma per una aliquota 0,3 perchè il coefficiente psi2 delle abitazioni è 0,3
Ciao
 
Ultima modifica:
La superficie per il calcolo dei solai è schematizzata nel seguente modo
Visualizza allegato 780
La massa sismica si calcola con la seguente combinazione

Visualizza allegato 779

Supponiamo di avere i seguenti carichi
1) G1 peso proprio
2) G2 permanenti (= ad esempio Sup*350 kg/m2
3) Q1 Sovraccarico (ad esempio Sup*200 kg/m2
4) Vento
5) Neve

La combinazione sismica (e quindi la massa) sarà
1,00*(1)+1,00+(2)+0,3*(3)+0*(4)+0*(5)
Il vento e la neve non si sommano alla massa sismica perchè il coefficiente psi2=0
Il sovraccarico si somma per una aliquota 0,3 perchè il coefficiente psi2 delle abitazioni è 0,3
La superficie per il calcolo dei solai è schematizzata nel seguente modo
Visualizza allegato 780
La massa sismica si calcola con la seguente combinazione

Visualizza allegato 779

Supponiamo di avere i seguenti carichi
1) G1 peso proprio
2) G2 permanenti (= ad esempio Sup*350 kg/m2
3) Q1 Sovraccarico (ad esempio Sup*200 kg/m2
4) Vento
5) Neve

La combinazione sismica (e quindi la massa) sarà
1,00*(1)+1,00+(2)+0,3*(3)+0*(4)+0*(5)
Il vento e la neve non si sommano alla massa sismica perchè il coefficiente psi2=0
Il sovraccarico si somma per una aliquota 0,3 perchè il coefficiente psi2 delle abitazioni è 0,3
Ciao
Immaginando che nello schema da te disegnato perimetralmente ci sono le travi di bordo, calcolare la superficie del solaio potrei ad esempio tramite il comando area di autocad di seguire il contorno esterno (considerando quindi anche travi e pilastri giusto?) ovviamente al netto della scala. Il ragionamento è corretto? Per quanto riguarda la scala poi non ho capito in quanto il Ghersi dice: la superficie della scala compresa tra i piani orizzontali passanti per l’Interpiano superiore ed inferiore. Dovrei dunque fare metà interpiano sup è inferiore e poi moltiplicare questo lato per la lunghezza di rampa+pianerottolo. Confermi?
 
... potrei ad esempio tramite il comando area di autocad ...
Ogni programma di calcolo ha l'elemento "solaio" oppure l'elemento "rivestimento" che serve a ripartire il carico superficiale alle aste sottostanti. Nelle proprietà di questi elementi c'è anche la superficie.

Per quanto riguarda la scala poi non ho capito in quanto il Ghersi dice: la superficie della scala compresa tra i piani orizzontali passanti per l’Interpiano superiore ed inferiore. Dovrei dunque fare metà interpiano sup è inferiore e poi moltiplicare questo lato per la lunghezza di rampa+pianerottolo. Confermi?

D'accordo leggere cosa dice Ghersi e altri, ma poi devi ragionare con la tua testa.
E' evidente che la scala ha dei carichi sulle rampe e pianerottoli che finiscono a terra e che contribuiscono alla massa sismica.
Ora, la cosa migliore da fare è quella di modellare la scala e di applicare su di essa i propri carichi.
Poi uno può scegliere una via semplificata, ad esempio, considerando un solaio al piano nella zona della scala il cui carico corrisponde alla scala stessa. In questo modo non modella la scala ed è tutto più semplice.
Ma è pur sempre una esemplificazione. Meglio modellare la scala, così si hanno anche le tensioni nella struttura della scala.
Ciao
Porzione di edificio unifilare con modellazione scala
Unifilare.jpg
Porzione di edificio 3d
3d.jpg
 
Mi collego per il tanto dibattuto argomento "modellare le travi e gli aggetti come carichi o come strutture?". Io per esperienza li inserisco come carichi per modellare la struttura, poi li inserisco come strutture (generalmente shell) per le verifiche della scala e degli aggetti, generalmente a favore di sicurezza.
 
Mi collego per il tanto dibattuto argomento "modellare le travi e gli aggetti come carichi o come strutture?". Io per esperienza li inserisco come carichi per modellare la struttura, poi li inserisco come strutture (generalmente shell) per le verifiche della scala e degli aggetti, generalmente a favore di sicurezza.
Se il software che utilizzi valuta autonomamente la rigidezza torsionale non modellare gli sbalzi cambia Jp (l'errore cala all'aumentare dell'ingombro planimetrico). Per il resto è indifferente a meno del torcente che non puoi leggere se manca lo sbalzo.
 
x fif1996!

nel calcolo dei pesi unitari occorre poi considerare il "maggior peso" delle travi rispetto a quello dei solai;
altre approssimazioni si hanno poi per le travi sulle quali insistono i tompagni per cui su quelle travi manca la pavimentazione e il sovraccarico accidentale;

però gira e rigira, con tompagni di laterizio forato, una costruzione a telaio in c.a. per abitazioni, usuale, ha una massa sismica di 1000 (+-200, ma è raro) kg/mq;
nel caso invece di muratura portante in pietra (dalle mie parti si usa il tufo, ignimbrite campana, con spessori da 40 cm in su) il peso è il doppio, circa 2 ton/mq

 
Indietro
Top