Cambio sagoma tetto senza variazione di destinazione d'uso

Fernando1994

Member
Messaggi
18
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
0-1
Regione
  1. Campania
CAD/BIM
  1. Autocad
  2. Edificius
Soft. strutture
  1. Pro_sap
  2. SAP2000
Buongiorno a tutti.
Ho un tetto a una falda e lo devo trasfornare in un tetto a due falde. il sottotetto non è accessibile e resterà non accessibile ma, per realizzare le due falde ci sarà un'innalzamento del colmo di circa 70 cm. il tetto sarà realizzato con delle capriate in legno che poggiano sull'ultimo solaio, l'opera non comporta incremento di carico e migliora notevolmente il comportamento dell'edificio. Questa operazione, è da considerarsi sopraelevazione?
Grazie
 
Buongiorno, io lo farei passare come intervento locale, devi stare attento però a livello catastale se rientra nel volume edificabile, altrimenti non puoi realizzare l'innalzamento del colmo (di solito chi fa la pratica scia fa queste valutazioni, io ho ricevuto la scia già protocollata quindi mi sono occupato solo della pratica sismica).

Gli interventi di questo tipo riguardano singole parti e/o elementi della struttura. Essi non debbono cambiare significativamente il comportamento globale della costruzione e sono volti a conseguire una o più delle seguenti finalità:
  • ripristinare, rispetto alla configurazione precedente al danno, le caratteristiche iniziali di elementi o parti danneggiate;
  • migliorare le caratteristiche di resistenza e/o di duttilità di elementi o parti, anche non danneggiati;
  • impedire meccanismi di collasso locale;
  • modificare un elemento o una porzione limitata della struttura.
Per gli interventi sulle costruzioni esistenti la Normativa specifica che si dovrà applicare un fattore di confidenza in base al livello di conoscenza della struttura. Se farai solo un rilievo con delle tavole strutturali o altro io applicherei il fattore di confidenza è pari a 1,35 considerando un fattore di conoscenza LC1, dove verifichi gli appoggi del nuovo sul vecchio, valuta gli incrementi di carico sui pilastri e sulle fondazioni ma non credo superi 1%, quindi di conseguenza sei in intervento locale.

Per il sisma valuta te cosa fare, io quando ho realizzato il tuo stesso intervento ho valutato la massa totale dell'edificio e l'eventuale massa in più e ho evidenziato che la massa totale permanente applicata in cima alla struttura era di circa 0,05% della massa del fabbricato, quindi intervento locale che non altera la risposta sismica dell'edificio.

Per quanto riguarda il collaudo invece, devi controllare in base alla tua zona se è prevista la dichiarazione di regolare esecuzione dei lavori strutturali, la dichiarazione di regolare esecuzione dei lavori sostituisce il certificato di collaudo per gli interventi locali ai sensi dell’articolo 67 comma 8-bis o comma 8-ter del DPR 380/2001 e ss.mm.ii.

Queste sono state le mie valutazioni, attendiamo anche altri pareri da professionisti con più anni di esperienza così da avere un ulteriore conferma di quello che ho scritto, Buon Lavoro
 
Ultima modifica da un moderatore:
Grazie mille per la risposta Marco. Ma quindi questa variazione di forma non comporta una sopraelevazione? con conseguente obbligo di adeguamento sismico?
 
Indietro
Top