Codice programma Verifica Pressoflessione sezione a T

Betoniera

Super moderatore
Staff Forum
Messaggi
657
Ciao a tutti
Ho confrontato i risultati di questo programma di verifica a pressoflessione delle sezioni a T con Gelfi, e vanno bene.
Ho testato con esito positivo anche il precedente programma di verifica a pressoflessione per sezioni rettangolari.
All'interno dei due programmi si trovano i moduli "calcola" che calcolano asse neutro e sforzi.
Ho pensato di mettere a disposizione il codice di tali programmi per gli ingegneri che vogliono sviluppare programmi più complessi come ad esempio la verifica di solai, di balconi o di aste di telaio.
Per un programmatore anche poco esperto dovrebbe essere abbastanza semplice copiare il codice, inserirlo nel nuovo programma ed adattarlo al nuovo contesto.
Il codice dovrebbe essere chiaro e piuttosto contenuto.
Meglio che doverlo scrivere ex-novo vi pare?.
Ciao, alla prossima.
Verifica SezTslu.jpg
 

Allegati

  • VerificaSezT slu.zip
    44,6 KB · Visualizzazioni: 31
Grazie Betoniera.
Sarebbe molto utile poter inserire nell'anima della sezione anche un travetto precompresso (di data sezione, armatura, inerzia baricentrica, tensioni ai due lembi ecc.) da omogeneizzare al cls di completamento, per la verifica dei solai appunto a travetti precompressi.
(Perché siccome non sono bravo con i fogli di calcolo ogni volta che mi capita lo faccio a mano, ricerca asse neutro che richiede di risolvere una equazione di secondo grado, e momento di inerzia, ed è facile sbagliare per i tanti termini)
 
Sarebbe molto utile poter inserire nell'anima della sezione anche un travetto precompresso (di data sezione, armatura, inerzia baricentrica, tensioni ai due lembi ecc.) da omogeneizzare al cls di completamento, per la verifica dei solai appunto a travetti precompressi.

Ciao Pasquale
Non dovrebbe essere difficile inserire inserire trecce da precompressione nell'equilibrio della sezione.
Non mi ricordo però come si fa a calcolare le perdite di tesatura e non ho voglia di studiare sull'argomento.
Apro un post apposito in cui chiedo qualche indicazione a Trefolo66. Se mi da qualche indicazione utile aggiorno il programma.
Per Pasquale questo ed altro.
Ciao
 
Betoniera, non credo serva calcolare le perdite per deformazione istantanea, rilassamento acciaio, fluage e ritiro cls ecc. perché i produttori di travetti hanno sempre fornito i dati delle tensioni ai lembi del travetto già scontate di questi fenomeni, e che in genere nella tecnologia a fili aderenti sono circa il 30 - 35% dello sforzo iniziale;

comunque almeno le norme tecniche prima delle ntc fornivano dei valori per questi fenomeni, non so se anche le ntc
 
un esercizio del prof. Pozzati sulla verifica di una sezione con travetto precompresso
 

Allegati

  • Pozzati - Teoria e Tecnica Delle Strutture-Vol.2 Parte 2.pdf
    228,6 KB · Visualizzazioni: 22
Caro Betoniera, la fai troppo facile...
Non è così semplice calcolare le cadute di tensione. L'Eurocodice dà chiare indicazioni, molto più precise e complete rispetto alle Norme italiane, ma l'implementazione non è così semplice. Devo avere ancora in giro gli appunti e le prove di codice fatte a suo tempo durante la stesura del software che uso tuttora per il calcolo del c.a.p. (EuroVeCAP).
Se vi interessa li cerco e li condivido.
Comunque per il calcolo dei travetti, come detto da pasquale, è più semplice. Basta inserire, come ad esempio in VCASLU, la tensione nei cavi al momento della verifica in quanto non interessa molto la storia pregressa.
Buona serata
 
Il problema è più complesso rispetto all'esempio del Pozzati perchè dobbiamo calcolare allo SLU.
In passato ho calcolato travi precompresse, ma alle tensioni ammissibili non agli SL.
In ogni modo conviene sentire chi lavora nel campo per avere indicazioni sicure.
Nel programma di Gelfi si lascia all'utente l'indicazione della tensione del trefolo e così possiamo fare anche noi.
Ma, nell'ottica di esemplificare l'input utente, preferirei predisporlo in automatico.
Penso che arriverà qualche chiarimento sulle formulazioni da usare, poi decidiamo.
Ciao.
 
Ciao Trefolo.
Ho letto adesso la risposta.
Allora, per i nostri scopi, può bastare indicare una tensione ridotta prudenziale
Io ho questi dati, dimmi se vanno bene per i trefoli:
- tensione di rottura 18.600 kg/cm2
- modulo elastico 2.110.000 kg/cm2
- tensione di progetto 16.174 kg/cm2
- tensione a tempo infinito 11.160 kg/cm2
Se vanno bene potrei inserire quei valori e far lavorare i trefoli 11.160 kg/cm2.
Può andare?
Ciao.
 
Direi che in prima battuta va bene così.
Lascerei comunque editabile la casella delle tensioni così da modificarle quando necessario.
Io, se devo fare anche una verifica a flessione deviata, uso EuroVeCAP per il calcolo a flessione retta dell'elemento, leggo la tensione nei trefoli nella condizione che mi interessa verificare, poi uso AS (oppure VCASLU) inserendo i valori ottenuti precedentemente.
 
con i travetti precompressi usuali la percentuale di armatura è molto al di sotto di quella limte quindi il momento ultimo si può calcolare con l'espressione approssimata Mo=0,9*hp*fyk (hp = distanza tra baricentro armatura di precompressione e lembo superiore sezione)
 
Mi sono accorto che questo programma, sviluppato con Excel 2007, non funziona bene con Excel 2016 nella parte grafica (non cancella la precedente figura). Ho quindi provveduto ad aggiornarlo chiamandolo VerificaSezTSLU2.xlsm
Ciao a tutti
 

Allegati

  • VerificaSezTslu2.zip
    36,5 KB · Visualizzazioni: 8
Indietro
Top