CONSUETUDINE PER CONTABILITA' NUOVO SOLAIO CON CORDOLI E TRAVI

MANUELB

Member
Messaggi
22
Professione
  1. Stud. /tirocin.
Anni esperienza
0-1
Regione
  1. Trentino-Alto Adige
CAD/BIM
  1. Revit
Soft. strutture
  1. CDS WIN
Ciao a tutti,

Vorrei sapere come di solito ci si comporta per la contabilita' di questa lavorazione mista: con l'impresa edile il preventivo era per unita' di misura e ora stiamo per iniziare quest'opera e bisogna definire le cose per evitare discussioni poi.

Su una superficie del piano di 100mq verra' fatto un nuovo solaio in latero cemento - della superficie totale di 100mq abbiamo circa 20mq ricoperti dai cordoli e travi di armatura e dunque verra' pagato il costo del cemento/ferro e non verranno messi i laterizi come sulla restante della superficia. L'impresa ha dato un costo al mq per il solaio e un costo al mc per i cordoli/travi che copre il costo del cemento/ferro.

E' corretto che in contabilita' si paghera 80mq per il solaio in laterocemento e i restanti 20mq sono coperti dalla voce del cemento/armatura dei cordoli/travi in base ai mc gettati?

Grazie a tutti,

MB
 
dipende dal contratto sottoscritto dalle parti... non esiste una regola comune

Per esperienza personale gli impresari qui della zona fanno il prezzo al mq di solaio comprensivo di tutto (e nel solaio inglobano anche le travi)

Alcune voci del prezziario reg. Piemonte pagano il solaio (compreso di tutto, casseratura, getto , ferro, cls, ecc.. ) al mq altre voci invece scorporano le lavorazioni...
 
Grazie @Ale321 .

Il contratto ha solo le voci singole (solaio in laterocemento 120 euro al mq, cemento per travi e cordoli 520 euro al mc).

La voce del laterocemento include le seguenti cose:

1676455714239.png

Dunque per quanto riguarda il cemento, dal totale dei mc gettati, si isolano quanti sono necessari per cordoli/travi e questi vengono pagati a parti. Di conseguenza, usando la stessa logica, dai mq totale di superficie del piano si rimuovono i mq coperti da cordoli e travi e si paga per i restanti mq il prezzo per il solaio.

Trovate opponibile questo ragionamento?

Grazie molte
 
Il ragionamento è logico ma non so se l impresa sia daccordo
 
Su una superficie del piano di 100mq verra' fatto un nuovo solaio in latero cemento - della superficie totale di 100mq abbiamo circa 20mq ricoperti dai cordoli e travi di armatura ...

Ciao Manuelb
Io ho sempre contabilizzato come hai indicato tu, quindi 80 mq di solaio e 20 mq di travi in c.a.
Ma, attenzione:
- Il costo del solaio, in genere non comprende il ferro che deve essere contabilizzato a parte.
- Il costo del calcestruzzo, a mc, delle travi non comprende il ferro che deve essere contabilizzato a parte
- Il costo del calcestruzzo non comprende la casseratura che deve essere contabilizzata a parte.
Morale: se vuoi un costo certo della struttura, ci deve essere un progetto esecutivo dettagliato e un computo metrico estimativo dettagliato (anche fatto dalla stessa impresa) prima di eseguire i lavori.
Non è sufficiente un costo a mc di cls per definire l'opera, e non è corretta neppure una stima a corpo senza indicare con precisione le quantità.
Se vuoi un parametro di riferimento puoi visionare il Listino Opere Edili della Camera di Commercio della regione di appartenenza.
Ciao.
 
grazie @Betoniera per il contributo - adottero' questo approccio in futuro.

Il prezzario che ho usato per stilare il computo aveva queste voci che sono comprensivi di tutti gli ''accessori'' come casseratura, ferro, etc..

per le travi e cordoli:

1676538705822.png

e per il laterocemento

1676455714239-png.872


di conseguenza penso che questi siano i prezzi finiti sui quali bisogna solo definire la metratura da allocare a ciascuna lavorazione?

grazie
 
grazie @Betoniera per il contributo - adottero' questo approccio in futuro.

Il prezzario che ho usato per stilare il computo aveva queste voci che sono comprensivi di tutti gli ''accessori'' come casseratura, ferro, etc..

per le travi e cordoli:

Visualizza allegato 887

e per il laterocemento

1676455714239-png.872


di conseguenza penso che questi siano i prezzi finiti sui quali bisogna solo definire la metratura da allocare a ciascuna lavorazione?

grazie
L'esempio di Betoniera è correttissimo nel caso generale, ma poi ogni situazione è un caso a se, che dipende essenzialmente dalle voci utilizzate nell'elenco prezzi e dal relativo contenuto. Posso dirti che, in genere, le voci come quelle da te indicate sono quelle più soggette a speculazioni e/o contestazioni da parte delle imprese, che di solito lamentano "di perderci", ma se ne guardano bene dall'indicare le voci con le quali "ci guadagnano"...
 
Ciao Manuelb
Sarò franco, ma quelle descrizioni, dove si cerca di inserire tutto, sono proprio il preludio per litigare in fase di contabilità effettiva.
Nel listino opere edili trovi le singole operazioni da quotare. Le devi semplicemente applicare.
Mettere un prezzo forfettario per il cemento armato comprensivo di tutto è una cavolata.
Un parapetto di cls di 8 cm avrà una incidenza enorme di cassero e di ferro perchè i mc di cls sono pochi.
Analogamente una platea di fondazione avrà poco cassero e poco ferro a mc.
Per questo motivo il listino opere edili applica un sovrapprezzo per i getti sottili ed applica un costo casseri diverso di fondazioni e getto travi.
Poi non bisogna vedere l'impresa come un nemico da combattere.
L'Impresa ha tutto il diritto di essere giustamente pagata per la sua attività.
Non bisogna escogitare espedienti per fregare nè l'impresa, nè il proprietario.
100 kg/mc di ferro sono pochi per le travi e sono tanti per i muri.
Per non litigare, a mio avviso, bisogna essere onesti.
Tutte le attività vanno contabilizzate come da listino, poi si discute sullo sconto e solo su quello.
Se non si segue queste strada andrà a finire che impresa e proprietario litigheranno e la colpa sarà del tecnico che non ha saputo fare correttamente il computo delle opere.
Ve lo dico per esperienza: fare il bull dog del proprietario non paga. Occorre rigore, ma anche collaborazione con l'impresa.

Proverbio cinese:
Se tu mi paghi come dico io, io lavoro come dici tu.
Se tu mi paghi come dici tu, io lavoro come dico io.

Ciao.
 
Ultima modifica:
Ciao a tutti,

Vorrei sapere come di solito ci si comporta per la contabilita' di questa lavorazione mista: con l'impresa edile il preventivo era per unita' di misura e ora stiamo per iniziare quest'opera e bisogna definire le cose per evitare discussioni poi.

dipoende da come hai il computo

di prassi si pagano le cose singolarmente evitando le sovrapposizioni
 
Aggiornamento finale: l'impresa si e' dimostrata ragionevole e ha proceduto come ho richiesto. Diciamo che stiamo avendo cosi tanto altri imprevisti che riusciranno a compensare questo in altro modo sicuramente.

Per le future voci faro' come dite voi tutto separatamente. Che riferimento bisogna usare? Perche' quello indicato da Betoniera e' il PAT per il Trentino ma e' quello che e' stato usato e ha le voci di varie lavorazioni aggregate come quelle postate prima...
 
Indietro
Top