Cosa possono fare i comuni con i fondi PNRR?

iFede

Well-known member
Messaggi
71
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Lombardia
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. MasterSap
Dopo il prelievo fiscale ed i bonus ora il pnrr, le novità continuano. La domanda di questo post è molto specifica. Un comune che decide di assegnare ad un proprio dipendente ad occuparsi del pnrr cosa è intenzionato a fare? Il professionista comunale cosa deve fare e di cosa si deve occupare nello specifico? Mi potete fare un esempio concreto? Questi soldi del pnrr come possono essere investiti dal comune che ottiene il bonus? Quali tipi di strutture comunali possono essere costruite? Mi potete fare qualche esempio pratico?

grazie
 
Ho trovato questo:


Le risorse che vedono il coinvolgimento come titolari dei comuni​

In tutto i comuni saranno titolari di investimenti e iniziative per poco più di 28 miliardi, circa la metà dei fondi che saranno a titolarità degli enti territoriali. Altri quasi 11 miliardi sono destinati a tutti gli enti territoriali (Regioni + Province + Città metropolitane + Comuni); interventi per un po’ meno di 11 miliardi sono a carico delle Regioni; poco più di 15 miliardi sono per Aziende sanitarie e Aziende ospedaliere.

Tra gli investimenti principali che vedono i comuni come enti attuatori ricordiamo l’attrattività dei borghi (820 mln); la realizzazione di nuovi impianti per la gestione dei rifiuti (1,5 mld); lo sviluppo del trasporto rapido di massa (3,6 mld); la riqualificazione degli edifici scolastici (800 mln); l’efficientamento energetico dei comuni e la valorizzazione del territorio ( 6 mld); il piano per gli asili nido (4,6 mld); il piano per l’estensione delle mense e del tempo pieno (circa 1 mld); la rigenerazione urbana (3,3 mld); il social housing (2,8 mld) e molti altri interventi di minore importo.

Passando poi agli investimenti che vedono la titolarità di enti centrali, ma l’attiva partecipazione dei comuni e guardando agli investimenti in digitalizzazione riportati nell’ottimo sito realizzato dal Dipartimento per la trasformazione digitale leggiamo di altri importanti interventi: per il passaggio al cloud (1 mld); per l’adozione delle piattaforme nazionali Pago PA e IO (750 mln); per migliorare l’esperienza dei servizi pubblici comunali (613 mln); per l’adozione dell’identità digitale (285 mln); per la digitalizzazione degli avvisi pubblici (245 mln).

 
La mia idea è:

1) Individuare il budget a disposizione;
2) Scegliere la tipologia di investimenti;
3) Creare dei bandi;
4) Valutare i preventivi.
 
Indietro
Top