Dimensionamento ferri di ripresa

SEAL

Member
Messaggi
14
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
5-10
Regione
  1. Marche
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. CDS WIN
  2. MasterSap
Buongiorno, dovrei verificare la lunghezza di aderenza di un pilastro post-installato dimensionando la profondità di posa dei ferri di ripresa ma un dubbio mi sta prendendo su come ricavare la tensione di esercizio a cui sono sottoposte le armature. Quindi il mio problema non è calcolare la lunghezza di aderenza ma quale sia il tiro sulle barre d'armatura per una sezione in c.a. sottoposta ad un Msd alla base. Come ricavo la trazione sulle barre? non credo basti dividere il Msd per il braccio della coppia che formano i ferri.....qualche suggerimento? grazie
 
Vedi EC2 capitolo 8.4.
La trazione "reale" nelle barre non c'entra nulla.
 
ti ringrazio per la risposta, ho trovato anche un ottima risorsa che poi è stata creata sulla base dell'EC2 (vedi qui) tuttavia dovendo eseguire perforazione e ancorante chimico per le riprese non riesco a capire come ricavare il tiro sulle barre. Assumere come trazione quella derivante dallo snervamento della barra mi sembra eccessivo....
Mel caso di dimensionamento dei tirafondi su piastre metalliche la sollecitazione la valuto dividendo il Msd per il braccio della coppia ma sul cemento armato la questione è diversa....
 
Se devi eseguire fissaggi con tasselli chimici l'unica opzione è quella di riferirti alle schede tecniche del fornitore.
I valori riportati sono a favore di sicurezza ma sicuramente non sbagli.
In ogni caso, per essere sicuri, si possono comunque prevedere delle prove di pull-out, prove che consiglio in caso di azioni combinate trazione-taglio.
 
Si, in effetti è quello che pensavo ma la trazione sulle barre come la ricaveresti? ho un pilastrino (parapetto balcone) sezione 30x15 con Msd=350 kgm. Arm. 3+3 fi10. come ricavo il tiro su un tondino? Ti ringrazio per le risposte.
 
Non entro nel merito del dimensionamento dell'armatura (che mi sembra un po' scarsa) ma per conoscere il tiro nel tondo non ti basta fare una semplice verifica tensionale (p.e. con VCaSLU)?
Resto comunque dell'opinione che me ne fregherei del tiro e dimensionerei l'ancoraggio per il massimo possibile (deve cedere prima il tondino che l'ancoraggio)!
 
VCA.png
vca impone la rottura bilanciata quindi la tensione σs=391 N/mmq
forse sbaglio ad interpretare i risultati? se considero il tiro per snervamento la profondità di posa non verifica.
E' il caso di un pilastri balcone posto con interasse 90 cm su una soletta esistente di 20 cm di spessore
Sembra assurdo ma sta cosa mi sta mettendo in difficoltà
Grazie x il tempo prezioso che mi stai dedicando
 
Per ottenere le "tensioni" nella barra devi:
- inserire le armature per coordinate
- indicare il metodo n come metodo di calcolo
- inserire i valori di azione assiale e momento (quelle della condizione SLU) nelle apposito caselline del metodo n
Il calcolo così fatto non ha alcun significato fisico ma solo in questo modo ottieni quello che vuoi.
Ribadisco comunque la necessità (direi quasi l'obbligo) di eseguire comunque prove di pull-out.
 
You are welcome.
Come però ho già detto in altre occasioni, per avere risposte più precise occorre dare da subito tutte le informazioni altrimenti risulta difficile capire a fondo la problematica!
 
VCA1.png
in questo caso la sigma_s è relativa ad ogni singola barra? quindi il tiro sigma_s x area tondino. giusto. poi non ti disturbo più.
 
E' una tensione per cui non cambia nulla se relativa al singolo ferro o al gruppo di ferri che hanno la stessa posizione!
Prendi quel valore, lo moltiplichi per l'area della singola barra ed ottieni il tiro.
 
Indietro
Top