Intonaco armato per ampliamento vano nella muratura portante

apigna

Nuovo iscritto
Messaggi
1
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
10-20
Regione
  1. Lazio
CAD/BIM
  1. Autocad
  2. Revit
Soft. strutture
  1. CDS WIN
  2. SAP2000
  3. Altro Sw
Ciao a tutti.
Sto facendo il progetto di ampliamento di un vano nella muratura portante (mattoni pieni, spessore 30 cm). Si tratta di allargare e alzare un passaggio esistente.
L'inserimento di una cerchiatura comporterebbe un aumento esagerato della resistenza e dello spostamento ultimo, perciò mi orienterei su un ringrosso della parete con intonaco armato.
Il mio problema è che il programma che uso (CDC, cioè il modulo per le cerchiature del CDS Win) è molto spartano e consente solo di indicare quanto aumenta lo spessore della parete.
A questo si aggiunge il fatto che l'ispessimento dovrebbe essere di soli 4 cm, altrimenti è eccessivo. Questo vorrebbe dire un intonaco armato di 2 cm per lato, cosa più che fattibile con i prodotti moderni (ce n'è addirittura uno per il quale non serve la rete e le connessioni trasversali), ma che non mi convince perché questi prodotti, con uno spessore contenuto, hanno prestazioni molto superiori rispetto al vecchio intonaco armato fatto con la rete elettrosaldata. Alla fine il Genio potrebbe obiettare che l'incremento calcolato col programma non sarebbe veritiero e non gli darei torto.
L'alternativa sarebbe un intonaco armato su un lato solo, soluzione brutta che si potrebbe giustificare con la necessità di non esagerare nel miglioramento della parete.
Avete suggerimenti? Qualche produttore di intonaco a basso spessore ha tirato fuori dei dati per mostrare una qualche equivalenza tra il suo prodotto e l'intonaco tradizionale? L'unica cosa che ho trovato è un programmino sul sito della Mapei, ma è molto blando (non tiene conto delle bucature) e dà comunque valori molto alti di miglioramento in caso di intervento su entrambe le facce della parete.
 
Ciao a tutti.
Sto facendo il progetto di ampliamento di un vano nella muratura portante (mattoni pieni, spessore 30 cm). Si tratta di allargare e alzare un passaggio esistente.
L'inserimento di una cerchiatura comporterebbe un aumento esagerato della resistenza e dello spostamento ultimo, perciò mi orienterei su un ringrosso della parete con intonaco armato.
Il mio problema è che il programma che uso (CDC, cioè il modulo per le cerchiature del CDS Win) è molto spartano e consente solo di indicare quanto aumenta lo spessore della parete.
A questo si aggiunge il fatto che l'ispessimento dovrebbe essere di soli 4 cm, altrimenti è eccessivo. Questo vorrebbe dire un intonaco armato di 2 cm per lato, cosa più che fattibile con i prodotti moderni (ce n'è addirittura uno per il quale non serve la rete e le connessioni trasversali), ma che non mi convince perché questi prodotti, con uno spessore contenuto, hanno prestazioni molto superiori rispetto al vecchio intonaco armato fatto con la rete elettrosaldata. Alla fine il Genio potrebbe obiettare che l'incremento calcolato col programma non sarebbe veritiero e non gli darei torto.
L'alternativa sarebbe un intonaco armato su un lato solo, soluzione brutta che si potrebbe giustificare con la necessità di non esagerare nel miglioramento della parete.
Avete suggerimenti? Qualche produttore di intonaco a basso spessore ha tirato fuori dei dati per mostrare una qualche equivalenza tra il suo prodotto e l'intonaco tradizionale? L'unica cosa che ho trovato è un programmino sul sito della Mapei, ma è molto blando (non tiene conto delle bucature) e dà comunque valori molto alti di miglioramento in caso di intervento su entrambe le facce della parete.
premesso che mi pare strano che un telaio metallico ti diventi "troppo rigido" rispetto ad un intonaco armato che aumenta del doppio la rigidezza della parete in genere.

attenzione a non confondere intonaco armato con sistemi frcm che sono due cose diverse con funzionamenti diversi. i sistemi in basso spessore non sono analizzabili con in incremento forfettario della rigidezza della parete in quanto aumentano la resistenza e non la rigidezza.

consiglio comunque in caso di analisi di pareti locali di farsi un foglio excel o dei conti a mano (alla fine si può semplificare abbastanza con i comportamenti sheartype doppioincastro e mensola). trovarsi le curve di capacità dei singoli maschi e la totale della parete. in questo modo puoi andare ad agire sulle singole porzioni di parete che ti interessa.

poi per carità pure io uso i software per le cerchiature perché son comodi. ma un primo dimensionamento/controllo lo faccio comunque sempre a mano
 
Sto facendo il progetto di ampliamento di un vano nella muratura portante (mattoni pieni, spessore 30 cm). Si tratta di allargare e alzare un passaggio esistente.
L'inserimento di una cerchiatura comporterebbe un aumento esagerato della resistenza e dello spostamento ultimo, perciò mi orienterei su un ringrosso della parete con intonaco armato.

Avete suggerimenti? Qualche produttore di intonaco a basso spessore ha tirato fuori dei dati per mostrare una qualche equivalenza tra il suo prodotto e l'intonaco tradizionale?

mi sembra strano che te non riesca inserndo un blando profilo metallico a far star tutto dentro il famoso 15%

per il resto un intonaco armato inserirebbe un incremento di rigidezza concentrato e non so quanto possa essere davvero utile la cosa, almeno epr chi si pone la domanda, considera infine che ora per le NTC non conta più lo spessore ma solo l'incremento dei parametri di resistenza che viene moltiplicato per un valore piuttosto elevato

detto questo, se questa è la tua convinzione devi rivolgerti a sistemi non tradizionali cioè non più betoncino e rete els ma sistemi tipo GFRP (es fibrenet)
 
Indietro
Top