Luce travi? Aiuto

fif1996!

Active member
Messaggi
30
Professione
  1. Stud. /tirocin.
Anni esperienza
0-1
Regione
  1. Campania
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. Ansys
  2. SAP2000
Salve a tutti, avrei da fare una domanda forse banale per i più esperti. Essendo ancora alle prime armi avevo il seguente dubbio:
la luce esatta delle travi come si misura? Faccio un esempio: se considero una carpenteria di impalcato con travi 30x50 e pilastri 30x50 e 50x30, la luce di una generica trave la misuro considerando gli assi baricentri di ciascun pilastro e la congiungente sarebbe la luce giusto? Tuttavia ho visto in alcuni esempi che ad esempio tra un pilastro d’angolo e quello adiacente non è ricavato nel modo seguente bensì tracciando una linea centrale per tutte le travi, l’Intersezione tra queste definisce la luce. Sono entrambe corrette le procedure? Non so se mi sono spiegato bene.
Grazie in anticipo per chi dovesse aiutarmi
 
A me non è chiara la seconda parte della tua descrizione, perciò ti consiglio di pubblicare un'immagine esplicativa.
 
Nel primo disegno se considero la trave 19-20 considerando la congiungente tra gli assi dei pilastri ottengo una luce; mentre nel secondo disegno la stessa trave in base alla costruzione fatta ha un’altra luce. Quale è il procedimento corretto?
 

Allegati

  • CA3F8EE4-AD1B-4527-8248-29CB8BB36662.jpeg
    CA3F8EE4-AD1B-4527-8248-29CB8BB36662.jpeg
    3,8 MB · Visualizzazioni: 17
  • 8B3FDB7B-AADA-4FCF-A0B6-BECC2FB7A8E7.jpeg
    8B3FDB7B-AADA-4FCF-A0B6-BECC2FB7A8E7.jpeg
    4,1 MB · Visualizzazioni: 17
A me non è chiara la seconda parte della tua descrizione, perciò ti consiglio di pubblicare un'immagine esplicativa.
Hai ragione scusa ho provato a fare un rapido schizzo
 
Nel primo disegno se considero la trave 19-20 considerando la congiungente tra gli assi dei pilastri ottengo una luce; mentre nel secondo disegno la stessa trave in base alla costruzione fatta ha un’altra luce. Quale è il procedimento corretto?
La luce in casi come questo è la distanza tra i baricentri, quindi è corretta la prima immagine
 
Perché ci sono casi in qui non si ragiona così?
Ad esempio nel caso di pilastri prefabbricati, la luce tra baricentri è diversa da quella tra il centro delle mensole
 

Allegati

  • epsn0021_161_g.jpg
    epsn0021_161_g.jpg
    146,4 KB · Visualizzazioni: 2
Ad esempio nel caso di pilastri prefabbricati, la luce tra baricentri è diversa da quella tra il centro delle mensole
Ah capito. Però nel mio esempio considerando la prima immagine sarebbe normale quindi che la trave 13-14 parallela alla 19-20 ha una luce diversa dalla trave 19-20? Perché considerando i baricentri risulta diversa
 
Ah capito. Però nel mio esempio considerando la prima immagine sarebbe normale quindi che la trave 13-14 parallela alla 19-20 ha una luce diversa dalla trave 19-20? Perché considerando i baricentri risulta diversa
Si è normale e, ai fini dei calcoli strutturali, corretto
 
Si è normale e, ai fini dei calcoli strutturali, corretto
Ti ringrazio. Un’ultima cosa ovviamente implementando la struttura spaziale ad esempio sul Sap considererò come luci queste ora definite giusto?
 
Ti ringrazio. Un’ultima cosa ovviamente implementando la struttura spaziale ad esempio sul Sap considererò come luci queste ora definite giusto?
Non so come funziona l'input del Sap, in questo non posso esserti d'aiuto, mi dispiace. Magari se qualcuno più esperto ci legge potrà sempre intervenire.
 
Diciamo che il problema che ti si pone adesso nella modellazione 3d con SAP o qualsiasi altro programma non è una cosa banale e non tutti gli ingegneri opererrebero allo stesso modo. Il pilastro 19 e il pilastro 13 non sono sullo stesso asse, quindi dovrai decidere se usare ad esempio un LINK rigido oppure se "fregartene" e modellare i due pilastri sullo stesso asse
 
Diciamo che il problema che ti si pone adesso nella modellazione 3d con SAP o qualsiasi altro programma non è una cosa banale e non tutti gli ingegneri opererrebero allo stesso modo. Il pilastro 19 e il pilastro 13 non sono sullo stesso asse, quindi dovrai decidere se usare ad esempio un LINK rigido oppure se "fregartene" e modellare i due pilastri sullo stesso asse
È proprio questo il problema che mi ponevo. Perché se li modello come se fossero sullo stesso asse sto falsando la realtà delle cose, vale a dire avere luci delle travi uguali e quindi le caratteristiche della sollecitazione saranno frutto di questo sbaglio. Da qui la mia perplessità in questo post. Comunque seguendo dei video (organizzati abbastanza bene su YouTube) ho appena notato che non vengono posizionati sullo stesso asse ma comunque non viene inserito alcun link rigido. A meno che non intendi il comando lenght end offset
 
Come ti dicevo ci sono vari modi per operare, se non mi ricordo male c'è stata proprio su questo forum una discussione dedicata all'argomento, ma purtroppo non la trovo
 
Come ti dicevo ci sono vari modi per operare, se non mi ricordo male c'è stata proprio su questo forum una discussione dedicata all'argomento, ma purtroppo non la trovo
Va bene, magari provo ad aprire una nuova discussione vediamo se qualcuno ci lascia il link della vecchia
 
Discussione molto interessante e utile. Tuttavia avrei da porti alcune domande:
1) nella figura riportata (avendo stabilito che la soluzione 2 è quella corretta) ma nello schema 1 non ci sarebbe un’imprecisione? Ossia la 2 trave partendo dal basso non dovrebbe avere luce a partire dal baricentro del pilastro? Dico questo perché uno dei motivi di questa discussione era proprio questo. In questo schema sembrerebbe non rispettarlo.
2) nella modellazione su sap 2000 io ho visto che si può a partire dalla pianta in autocad esportare il dxf (tracciando pilastri e travi con riferimento al baricentro di ciascun rettangolo, consentimi il rettangolo per alludere al baricentro dei pilastri) in questo modo mica sto definendo dei fili fissi? Io per fili fissi ho capito che si intende quei punti fissi che rimangono sempre gli stessi ed invariati ai vari impalcato (considerando la rastremazione dei pilastri) sbaglio qualche concetto?
3) se lo schema 2 è corretto con la trave “storta” bisogna imporre qualche condizione particolare sul sap? Ossia link rigido, end lenght offset.
Perdonami per la serie di domande ma all’università non ci è stato suggerito nulla a riguardo
 
Discussione molto interessante e utile. Tuttavia avrei da porti alcune domande:
1) nella figura riportata (avendo stabilito che la soluzione 2 è quella corretta) ma nello schema 1 non ci sarebbe un’imprecisione? Ossia la 2 trave partendo dal basso non dovrebbe avere luce a partire dal baricentro del pilastro? Dico questo perché uno dei motivi di questa discussione era proprio questo. In questo schema sembrerebbe non rispettarlo.
2) nella modellazione su sap 2000 io ho visto che si può a partire dalla pianta in autocad esportare il dxf (tracciando pilastri e travi con riferimento al baricentro di ciascun rettangolo, consentimi il rettangolo per alludere al baricentro dei pilastri) in questo modo mica sto definendo dei fili fissi? Io per fili fissi ho capito che si intende quei punti fissi che rimangono sempre gli stessi ed invariati ai vari impalcato (considerando la rastremazione dei pilastri) sbaglio qualche concetto?
3) se lo schema 2 è corretto con la trave “storta” bisogna imporre qualche condizione particolare sul sap? Ossia link rigido, end lenght offset.
Perdonami per la serie di domande ma all’università non ci è stato suggerito nulla a riguardo
 

Allegati

  • 33035911-F7BC-421F-B43C-919A1A7BF910.jpeg
    33035911-F7BC-421F-B43C-919A1A7BF910.jpeg
    190 KB · Visualizzazioni: 7
si considera l'asse baricentrico allo stesso modo di come schematizzeresti nel calcolo
 
Indietro
Top