Muro di recinzione

Mauro88

Nuovo iscritto
Messaggi
2
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Puglia
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. SAP2000
Buongiorno,
devo realizzare dei muri di recinzione in c.a. in zona Bari. Premetto che l'altezza limite per rientrare nelle opere di minore rilevanza ai fini sismici è di 2,2 mt.
Come mi comporto se questi muri li faccio di altezza minore o uguale a tale limite?
Servono ugualmente i calcoli anche se non faccio il deposito sismico?
Grazie a tutti in anticipo
 
Buonasera,

deve controllare le norme regionali per il governo del territorio che si collegano a quanto riportato nel DPR 380/01.

Immagino che il limite di 220cm sia superiore per gli interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ed inferiore per la minore rilevanza. In caso di privi di rilevanza, almeno in Toscana, è necessaria asseverazione da parte del progettista da depositare con la "pratica architettonica" in comune nonché il deposito, sempre presso il comune, di tutta una serie di elaborati stabiliti da regolamenti di articoli di cui alle LR in funzione del titolo abilitativo e della tipologia di intervento inquadrato dalle NTC.

Due note:
- in Toscana, ai sensi della LR 65/2014, 1/R del 2022 allegato C:
A.4 Opera di sostegno realizzate al di fuori di situazioni geologico tecniche sfavorevoli e/o di
pericolosità geologica elevata e/o molto elevata così come definito dagli strumenti urbanistici,
con fondazione diretta, con tutte le seguenti caratteristiche:
• altezza del terreno a tergo non superiore a 2 m, (l’altezza è valutata dall’estradosso della
ciabatta di fondazione). In caso di muri in pietrame “a secco” nell’ambito di sistemazione
agrarie, anche in caso di ricostruzione totale o ripristino, il limite è elevato a 2,50 m
• inclinazione media sull’orizzontale del terrapieno a monte non superiore a 15°;
• il cuneo di spinta del terreno non sia interessato da costruzioni o infrastrutture stradali
di uso pubblico;
- è importante distinguere l'intervento oltre che legislativamente anche funzionalmente. Dove si trova il muro che realizzerà? E' realmente privo di rilevanza ai fini della pubblica incolumità? Glielo chiedo che da queste parti è successo che un cancello in ferro battuto d'ingresso ad una abitazione, per il quale erano stati "progettati" i sostegni murari laterali, cedesse e finisse su di un passante mentre camminava sul marciapiede latistante una strada pubblica. Così, per dire.
 
Ultima modifica:
Buonasera,

deve controllare le norme regionali per il governo del territorio che si collegano a quanto riportato nel DPR 380/01.

Immagino che il limite di 220cm sia superiore per gli interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ed inferiore per la minore rilevanza. In caso di privi di rilevanza, almeno in Toscana, è necessaria asseverazione da parte del progettista da depositare con la "pratica architettonica" in comune nonché il deposito, sempre presso il comune, di tutta una serie di elaborati stabiliti da regolamenti di articoli di cui alle LR in funzione del titolo abilitativo e della tipologia di intervento inquadrato dalle NTC.

Due note:
- in Toscana, ai sensi della LR 65/2014, 1/R del 2022 allegato C:
A.4 Opera di sostegno realizzate al di fuori di situazioni geologico tecniche sfavorevoli e/o di
pericolosità geologica elevata e/o molto elevata così come definito dagli strumenti urbanistici,
con fondazione diretta, con tutte le seguenti caratteristiche:
• altezza del terreno a tergo non superiore a 2 m, (l’altezza è valutata dall’estradosso della
ciabatta di fondazione). In caso di muri in pietrame “a secco” nell’ambito di sistemazione
agrarie, anche in caso di ricostruzione totale o ripristino, il limite è elevato a 2,50 m
• inclinazione media sull’orizzontale del terrapieno a monte non superiore a 15°;
• il cuneo di spinta del terreno non sia interessato da costruzioni o infrastrutture stradali
di uso pubblico;
- è importante distinguere l'intervento oltre che legislativamente anche funzionalmente. Dove si trova il muro che realizzerà? E' realmente privo di rilevanza ai fini della pubblica incolumità? Glielo chiedo che da queste parti è successo che un cancello in ferro battuto d'ingresso ad una abitazione, per il quale erano stati "progettati" i sostegni murari laterali, cedesse e finisse su di un passante mentre camminava sul marciapiede latistante una strada pubblica. Così, per dire.
Grazie mille della risposta!!
Comunque l'intervento è in una zona periferica di Bari ed i muri sono confinanti con altre proprietà private e non su strada pubblica.
In realtà si tratta di muri che svolgeranno la sola funzione di delimitare proprietà (non ci sarà funzione di contenimento). Il proprietario vuole poi rivestire i paramenti interni di queste pareti in pietra.
 
Indietro
Top