Parere su interventi locali

Gian

Nuovo iscritto
Messaggi
1
Professione
  1. Altro
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Liguria
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. Ansys
  2. SAP2000
Buongiorno a tutti, avrei una domanda relativamente agli interventi locali, precisamente mi riferisco alla frase presente nel cap. 8.4.1 delle NCT 2018 “Il progetto e la valutazione della sicurezza potranno essere riferiti alle sole parti e/o elementi interessati, documentando le carenze strutturali riscontrate e dimostrando che, rispetto alla configurazione precedente al danno, al degrado o alla variante, non vengano prodotte sostanziali modifiche al comportamento delle altre parti e della struttura nel suo insieme e che gli interventi non comportino una riduzione dei livelli di sicurezza preesistenti”.

La mia domanda è relativa alla porzione di frase sottolineata: un intervento locale in una struttura che porti sicuramente un miglioramento dal punto di vista della resistenza rispetto allo stato attuale, ma non al completo soddisfacimento delle verifiche SLU previste, rientra in questa casisitica?

Cerco di spiegarmi meglio, ad esempio in un solaio di voltine/putrelle, che non necessita assolutamente di sostituzione completa, ma sottoposto a consolidamento mediante connettori e getto di cls alleggerito, si avrà un miglioramento sia dal punto di vista dei carichi verticali agenti (solaio più leggero, quindi sollecitazioni più basse), sia dal punto di vista della resistenza, poiché si avrà una sezione resistente mista (acciaio e cls). Anche se le verifiche SLU non risultano essere pienamente soddisfatte, la situazione precedente è sicuramente migliorata, mi farebbe piacere conoscere un vostro parere.

Spero di essere stato chiaro.

Grazie


Gian
 
premetto che non ho molta esperienza ma potresti modificare i coefficienti gamma per far "tornare" il risultato, ma personalmente non presenterei una relazione con verifiche a SLU non soddisfatte
 
Buongiorno a tutti, avrei una domanda relativamente agli interventi locali, precisamente mi riferisco alla frase presente nel cap. 8.4.1 delle NCT 2018 “Il progetto e la valutazione della sicurezza potranno essere riferiti alle sole parti e/o elementi interessati, documentando le carenze strutturali riscontrate e dimostrando che, rispetto alla configurazione precedente al danno, al degrado o alla variante, non vengano prodotte sostanziali modifiche al comportamento delle altre parti e della struttura nel suo insieme e che gli interventi non comportino una riduzione dei livelli di sicurezza preesistenti”.

La mia domanda è relativa alla porzione di frase sottolineata: un intervento locale in una struttura che porti sicuramente un miglioramento dal punto di vista della resistenza rispetto allo stato attuale, ma non al completo soddisfacimento delle verifiche SLU previste, rientra in questa casisitica?

Cerco di spiegarmi meglio, ad esempio in un solaio di voltine/putrelle, che non necessita assolutamente di sostituzione completa, ma sottoposto a consolidamento mediante connettori e getto di cls alleggerito, si avrà un miglioramento sia dal punto di vista dei carichi verticali agenti (solaio più leggero, quindi sollecitazioni più basse), sia dal punto di vista della resistenza, poiché si avrà una sezione resistente mista (acciaio e cls). Anche se le verifiche SLU non risultano essere pienamente soddisfatte, la situazione precedente è sicuramente migliorata, mi farebbe piacere conoscere un vostro parere.

Spero di essere stato chiaro.

Grazie


Gian
Si è un intervento locale che va a migliorare la capacità portante strutturale del solaio, ed analogamente allo "zetae" per la vulnerabilità sismica, la norma prevede gli "zetav" per i carichi statici. Quindi l'intervento locale migliora il solaio portandolo all'80% dei carichi di servizio previsti da normativa (esempio).

Quel solaio va quindi considerato per un carico ridotto. Non ci faccio l'archivio della biblioteca e non ci faccio le feste da discoteca ma magari uno studio o un locale meno affollato. Vanno previsti dei declassamenti e vanno indicati con delle targhe, se in edifici pubblici, che il solaio ha una capacità portante ridotta.
Altro paio di maniche è il discorso sismico. La cappa con i connettori non modifica la distribuzione del tagliante sismico globale? No varia la rigidezza ed influenza i modi di vibrare? Una cappa modifica la rigidezza e quindi il flusso tensionale
 
se l'edificio è in muratura i solai non incidono praticamente sulla rigidezza; questa è dovuta al fatto che la struttura in muratura, vista in pianta, si comporta come una sezone pluriconnessa, sono quindi molto più importanti le connessioni tra i muri;
per poterne variare il comportamento (o anche per essere considerato infinitamente rigido) un solaio dovrebbe avere uno spessore esagerato;
c'è a proposito un articolo della Newsoft che ne parla, e con cui ebbi uno scambio di idee che mi convinse della cosa (l'occasione fu una discussione nel vecchio ingforum dato alle fiamme);
dovrei avere anche un foglio di calcolo sul problema;
poi cerco di recuperare quell'articolo e il foglio di calcolo e postarli
 
Indietro
Top