Rinforzo FRP architrave

atten85

Member
Messaggi
13
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
5-10
Regione
  1. Emilia-Romagna
CAD/BIM
  1. Archicad
  2. Autocad
Soft. strutture
  1. Nessuno
Ciao a tutti,
mi trovo in questa situazione (Foto 1 e 2).
Si tratta di un muro portante di spessore totale 8 cm (6 cm mattoni pieni + 1 cm intonaco per lato), sul quale scaricano i travetti di solaio che si vedono in alto in foto. I mattoni di questo muro sono tutti messi di coltello, per cui si spiega l'esiguo spessore. Si tratta di una struttura molto povera costruttivamente, degli inizi del '900, centro storico.
Non vi è un vero e proprio architrave, ma una piattabanda di mattoni pieni. Come si vede in foto, la struttura è lesionata in mezzeria, e si è staccato un pezzo di intonaco.
Vorrei consolidare l'architrave senza eseguire tagli nella muratura laterale per eseguire ammorsamenti, dato lo spessore veramente esiguo dei mattoni e la delicatezza del sistema complessivo.

Ho pensato quindi a un consolidamento in FRP.
Sono indeciso tra 4 ipotesi, allego foto.
La prima prevede l'applicazione delle fibre solo all'intradosso, la seconda anche ai lati, la terza ai lati e prolungando un po' le fibre, per dare una sorta di "ammorsamento" al sistema, la quarta solo all'intradosso ma con 2 fasce sempre in FRP che vanno a "fissare" il lato all'intradosso per fornire un fissaggio supplementare alle fibre.
Oltre che su quale delle 4 soluzioni adottare, sono indeciso se assumere un FRP monodirezionale e bidirezionale, quale grammatura scegliere e che verifiche effettuare.
Ho guardato le 2 norme attualmente vigenti in materia,
1) Linee Guida per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP” pubblicate dal C.S.LL.PP. il 24 luglio 2009
2) Documento Tecnico n°200/04 del C.N.R. ultima revisione 2013 “Istruzioni per la progettazione, l’esecuzione ed il controllo di interventi di consolidamento statico mediante l’utilizzo di compositi fibrorinforzati”

Entrambe riportano lo stesso capitolo riguardo agli architravi, dove si deve verificare che MSd = ᵞg * (1/24) * g * t * L3 sia maggiore di MRd.
Non so però come si calcoli MRd e se devo fare anche la verifica di N, anche se non credo: voglio fare un consolidamento statico dell'architrave lesionato, non eseguire miglioramenti sismici.
Ci sono poi altre verifiche da fare? Non so, deformabilità?
Il triangolo equilatero di carico sopra la piattabanda non intercetta nemmeno il solaio, prende solo muratura.

Grazie!

IMG-20230916-WA0002.jpg


IMG-20230916-WA0004.jpg


IPOTESI-1.jpg


IPOTESI-2.jpg


IPOTESI-3.jpg


IPOTESI-4.jpg


schema.jpg
 
Buon pomeriggio,

bellissimo.


Mi limito a considerazioni di carattere generale:

- sembra che la fessura che interessa il laterizio sia di carattere flessionale, il che suggerirebbe un comporamento "a trave" della muratura al di sopra dell'apertura;
- il problema che le si pone, anche con riferimento ai documenti da lei citati, in tal caso veda anche https://www.cnr.it/it/node/9347 , è quantificare "l'altezza della trave";
- potrebbe ragionare in termini di trave-parete o parete nell'ottica di un modello tirante-puntone. Non che le serva determinare il traliccio: da mere considerazioni di equilibrio trova l'azione nel tirante all'estradosso del foro che, a meno di approssimazioni geometriche, coincide con il momento sollecitante il sistema trave diviso ~ l'altezza della stessa.

Da qui determina l'azione orizzontale al di sopra del foro e sceglie il sistema FRP / FRCM di conseguenza, ragionando in termini di sforzi assiali.

Infine, sempre generalmente, io inserirei compositi FRCM i quali di solito si sposano meglio con la muratura rispetto gli FRP tradizionali, in maniera bidirezionale a tutta altezza così da intercettare l'intero flusso di tensioni dal solaio superiore alle spallette.
 
Grazie mille. Fino a "l'altezza della trave" mi è abbastanza chiaro, dopo no.
In ogni caso, l'intervento ha lo scopo di consolidare la situazione in essere per i carichi verticali statici, per fermare il dissesto in corso, non si pone altri scopi. Anche perché, in una costruzione come questa, bisognerebbe mettere mano all'intero sistema costruttivo e fondale.

Grazie ancora
 
dalla foto sembrerebbe un elemento in cemento...ma se è vero come affermi tu che l'architrave non c'è proprio, secondo me le fibre sono inutili disposte in qualunque posizione... devi andare ad inserire un architrave
 
Indietro
Top