Software più gettonati per la modellazione ed il calcolo strutturale nel 2023

iFede

Well-known member
Messaggi
71
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Lombardia
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. MasterSap
Per modellare, verificare e disegnare le strutture di nuove opere in C.A. quali sono i software più gettonati, acquistati ed utilizzati nel 2023?
Quali vi sentireste di consigliare?
grazie
 
Per modellare, verificare e disegnare le strutture di nuove opere in C.A. quali sono i software più gettonati, acquistati ed utilizzati nel 2023?
Quali vi sentireste di consigliare?
grazie
.. utilizzati da un mese e due giorni non saprei cosa dirti :)
 
.. credo Midas e Mastersap siano valutati i migliori
 
Lo so, sono di parte, ma aggiungerei anche Straus.
Poi dipende tutto da cosa vuoi fare: utilizzare un software che fa tutto lui (e non capisci bene cosa fa), inserire dati che ti sembrano corretti ed accettare i risultati (caso reale: armatura trave ribassata con 20 fi30 in 40 cm di larghezza) mandando gli esecutivi direttamente in cantiere; utilizzare un programma con un minimo di post-processore ed intervenire minimamente sui risultati del dimensionamento; utilizzare un software che devi guidare completamente, senza post-processore e da cui estrai solo i valori che ti servono per dimensionare e verificare correttamente gli elementi.
 
anch'io parteggio per Straus,
e caldeggio in pieno il commento di trefolo66.
Dopo Adamo ed Eva "chi vi ha detto ciò? Il serpente!" posso dire che vedo troppa gente che risponde: " me l'ha detto il PC"
Qui una ricerca abbastanza seria eseguita alla fine del 2021

saluti
 
Rincaro la dose.
In una vita precedente lavoravo per un famosissimo studio di progettazione di Milano.
Contattammo cinque software house per capire quale programma di calcolo fosse il più preciso nel calcolo del theta.
A tutte fornimmo i dati di edifici molto semplici (per cui era anche facile calcolarsi il valore a mano).
Una non diede mai i risultati.
Delle altre 4, un solo software e in un unico esempio semplicissimo (4 pilastri, struttura doppiamente simmetrica con copertura rigida) diede risultato corretto.
In tutti gli altri casi numeri sparati a caso...

Ovviamente non posso fare i nomi.

Quindi ben venga Straus che ti fornisce tutti i dati ma poi i calcoletti te li devi fare tu!
 
Non avendo mai utilizzato Straus, mi par di capire che sia un FEM e basta, di alto livello, che quindi ti permette di analizzare cosa vuoi ma il post processing è a tuo carico. Per caso consente anche di creare input di testo tipo MAPDL? Ha un suo linguaggio specifico?

Ed invece, nessuno di voi ha mai usato SOFiSTIK?
 
Non avendo mai utilizzato Straus, mi par di capire che sia un FEM e basta, di alto livello, che quindi ti permette di analizzare cosa vuoi ma il post processing è a tuo carico. Per caso consente anche di creare input di testo tipo MAPDL? Ha un suo linguaggio specifico?

Ed invece, nessuno di voi ha mai usato SOFiSTIK?
In effetti Straus è, di fatto, una scatola vuota. Nato essenzialmente per applicazioni meccaniche ma utilizzabile per qualsiasi tipo di analisi.
E' programmabile in API (linguaggio in cui non mi sono mai addentrato per cui non so se è compatibile con il MAPDL).
In realtà i dati ed i risultati sono contenuti in una serie di tabelle tipo Excel, per cui per certe applicazioni mi sono creato una serie di fogli di calcolo per generare, per esempio, le combinazioni di carico e soprattutto per processare i risultati e renderli "leggibili" dai software di verifica.
 
Non avendo mai utilizzato Straus, mi par di capire che sia un FEM e basta, di alto livello, che quindi ti permette di analizzare cosa vuoi ma il post processing è a tuo carico. Per caso consente anche di creare input di testo tipo MAPDL? Ha un suo linguaggio specifico?

Ed invece, nessuno di voi ha mai usato SOFiSTIK?
... sofistik già dal nome io lo eviterei 😀
 
Il software è un argomento delicato perchè, con scelte sbagliate, si rischia di buttare via tempo e denaro.
Ho comperato e studiato molti software che poi ho abbandonato.
Non li cito per correttezza nei confronti delle ditte che li producono.
Cito, invece, quelli che utilizzo e che mi hanno permesso di crescere professionalmente.
- Robot Structural
E' ottimo per il calcolo delle strutture in acciaio. Non è adatto, a mio avviso, per le strutture in c.a. da verificare secondo NTC 2018. Non calcola le strutture in muratura.
- Modest
Ottimo per le strutture in c.a. da calcolare secondo NTC 2018. Comprende il calcolo delle murature. Comprende il calcolo della resistenza al fuoco, Non lo trovo adatto per le strutture in acciaio.
- Ansys
E' un programma adatto al solo calcolo meccanico. Costosissimo. Non è assolutamente adatto per le strutture civili.
Io l'ho comprato perchè ho verificato alcune apparecchiature meccaniche ed anche per la curiosità di approfondire lo studio delle strutture meccaniche.
- Tekla
E' un programma che serve esclusivamente a disegnare le strutture metalliche. Non è un programma strutturale. Non esegue alcuna verifica struttura. Ma per il disegno delle carpenterie metalliche è molto utile.

La scelta di un programma comporta dei costi e, soprattutto, un grande impegno di tempo per lo studio.
E' importante, quindi scegliere, quelli che sono supportati da una buona assistenza.
Per assistenza si intende sia l'aggiornamento alle normative e l'utilizzo ordinario del software, sia i corsi avanzati di apprendimento del software che si traducono indirettamente, nello studio dettagliato della normativa.
Nella pratica, oggi, succede che le ditte di assistenza software svolgono l'importante ruolo di formazione degli ingegneri (al posto delle università). I relatori sono spesso docenti.
Quindi, quando comprate un software, assicuratevi che ci sia una adeguata assistenza.
Ciao
 
In effetti Straus è, di fatto, una scatola vuota. Nato essenzialmente per applicazioni meccaniche ma utilizzabile per qualsiasi tipo di analisi.
E' programmabile in API (linguaggio in cui non mi sono mai addentrato per cui non so se è compatibile con il MAPDL).
In realtà i dati ed i risultati sono contenuti in una serie di tabelle tipo Excel, per cui per certe applicazioni mi sono creato una serie di fogli di calcolo per generare, per esempio, le combinazioni di carico e soprattutto per processare i risultati e renderli "leggibili" dai software di verifica.

Ho visto, effetto consente di fare degli script, non so quanto agevolmente ma comunque è possibile:


Oramai mi risulta difficile concepire un programma di calcolo che non consente di fare questi passaggi tramite un file di testo: la possibilità di fare degli script che consentono di automatizzare dei passaggi o ancora parametrare le analisi, è spesso impagabile, oltreché ti costringe a capire il software perché devi specificare per filo e per segno cosa deve fare, riducendo pertanto il sistema "scatola nera" ai passaggi matematici.

Non penso sia compatibile con MAPDL, ogni programma ha (giustamente) il suo linguaggio (solo che Ansys ha lavorato veramente bene sulla definizione del suo: intuitivo e velocissimo da apprendere)
 
Avere un software e conoscerlo in profondità è fondamentale.
Ma poi bisogna avere uno o più programmi per confrontare i risultati.
Oppure fare dei calcoli di massima a mano.

Io ho costruito un programma (plug-in) per telai 3D che funziona dentro AutoCad che mi è utilissimo. Recentemente l'ho aggiornato ad Autocad 2023.

Qualcuno mi ha chiesto (oltre l'ottimo Betoniera) di far vedere come funziona.
Prossimamente aprirò un post a tale scopo per chi fosse interessato.

www.structurasoft.cloud
 
Certo che interessa.
30 anni fa ne avevo fatto uno sui telai piani che, ovviamente, ho tuttora.
Quanto è stato utile sia per lavoro sia per l'apprendimento (operazioni su matrici).
Ciao.
 
Certo che interessa.
30 anni fa ne avevo fatto uno sui telai piani che, ovviamente, ho tuttora.
Quanto è stato utile sia per lavoro sia per l'apprendimento (operazioni su matrici).
Ciao.
... mi son sempre chiesto, ma come cavolo fate a fare programmi (piu' o meno complicati)???
Con il solo corso di "C" fatto al Poli credo non si riesca a fare programmi di calcolo.
E' una vs passione? Eravate già dei piccoli geni al Poli??

io a mala pena riesco a farmi fare un grafico da excel inserendo due colonne :(
 
Avere un software e conoscerlo in profondità è fondamentale.
Ma poi bisogna avere uno o più programmi per confrontare i risultati.
Oppure fare dei calcoli di massima a mano.

Io ho costruito un programma (plug-in) per telai 3D che funziona dentro AutoCad che mi è utilissimo. Recentemente l'ho aggiornato ad Autocad 2023.

Qualcuno mi ha chiesto (oltre l'ottimo Betoniera) di far vedere come funziona.
Prossimamente aprirò un post a tale scopo per chi fosse interessato.

www.structurasoft.cloud
Io sono superinteressato, sempre appassionato alla parte informatica in generale e nello specifico dei programmi ingegneristici

Secondo me oltretutto è essenziale anche per capire come lavorano, cosa "semplificano" e gli assunti che si utilizzano
 
... mi son sempre chiesto, ma come cavolo fate a fare programmi (piu' o meno complicati)???
Con il solo corso di "C" fatto al Poli credo non si riesca a fare programmi di calcolo.
E' una vs passione? Eravate già dei piccoli geni al Poli??

io a mala pena riesco a farmi fare un grafico da excel inserendo due colonne :(
Inizialmente per passione (Basic e Pascal), poi all'università (Fortran) e quindi per lavoro (VBA di AutoCAD ed Excel, VisualBasic, .NET).
A parte il Fortran imparato durante un corso universitario, gli altri da autodidatta.
Se vuoi capire un minimo di VBA basta che scarichi il mio programma per il calcolo della neve e del vento.
Ho anche fogli Excel che dialogano con altri fogli (utilizzandoli come motori per il calcolo), che aprono file pdf, che preparano i dati per programmi di calcolo del precompresso, lo lanciano e riportano i risultati ed infine che lanciano AutoCAD e disegnano le schede di produzione.
Comunque no, non sono mai stato un genio altrimenti sarei uscito con un voto decisamente migliore dall'università...
 
Diciamo che era una necessità!
Esco dal POLI nel '81 e non ho più accesso all'UNIVAC 1108 con schede cartacee per input e tabulati a 132 colonne per output.
Non c'era ancora il PC IBM, solo macchine basic con dischi fissi da 1-5 Mb che costavano una fucilata, i miei genitori mi regalano HP41CV (che completa di lettore di schede magnetiche costava circa 1E6 Lire) e ho cominciato a programmare trovando una "mia strada" sono stato la mano numerica di tanti colleghi "vecchi", ma infinitamente più giovani della mia attuale età anagrafica, che si affidavano a me per la soluzione di problemi numerici. Ho così sviluppato tutto il c.a., un solutore teali a nodi mobili l'ho modificato fino a poter risolvere 7 colonne per 6 piani, i muri di sostegno ed ho sviluppato tanti metodi per il calcolo delle frane...
qui tutto il materiale franoso https://app.box.com/shared/3ua5sr1uz3 .
Poi a dicembre '85 con l'arrivo di un M24 ho portato tutto in gwbasic.
I programmi "nonni" degli attuali software sono arrivati molto dopo.

saluti
 
complimenti a tutti
... le mie passioni erano il calcetto, il tennis e le uscite con amici ... un disastro :(
 
Indietro
Top