SOVRACCARICHI VERTICALI UNIFORMEMENTE DISTRIBUITI [§ 3.1.4.1 NTC 2018]

MTi

Nuovo iscritto
Messaggi
2
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
10-20
Regione
  1. Lombardia
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. SAP2000
  2. Sismicad
C'è qualcuno tra i presenti che ha mai usato la formula [3.1.2] delle NTC 2018?
Il mio problema è abbastanza semplice: ho un edificio multipiano (8 piani) e dei balconi di notevole luce; se considero 400kg/mq di sovraccarico accidentale, su tutti i balconi per tutti i piani ho un pilastro che "mi muore" quindi, mi sembra ovvio che 400Kg/mq su tutti i balconi x 8 piani non li avrò mai e sono quindi ben disposto ad impiegare la [3.1.2] ma... la posso applicare anche per le combinazioni sismiche? E se Si... non è a sfavore di sicurezza considerare i carichi degradanti con l'aumentare dei piani? Ok la non contemporaneità dei 400kg/mq su tutti gli 8 piani ma la [3.1.2] li fa diminuire a salire che, a livello sismico non mi pare molto corretto.
Purtroppo, è la prima volta che l'impiego di quella formula mi darebbe un bel "vantaggio": finora ho sempre considerato "a pieno carico" tutto e ho sempre risolto; stavolta (ovviamente x ragioni architettoniche😣) avrei davero un bello sconto e mi chiedevo se quella formula (mai usata in vita mia) la si possa usare anche per le combinazioni sismiche.

Grazie.
 
ma... la posso applicare anche per le combinazioni sismiche? E se Si... non è a sfavore di sicurezza considerare i carichi degradanti con l'aumentare dei piani?

Le azioni sismiche dei sovraccarichi si calcolano come aliquota psi2 degli stessi sovraccarichi.
Penso quindi, per coerenza, che se applichi la formula 3.1.2 di riduzione dei sovraccarichi, si riduce automaticamente anche l'azione sismica.
Non sono invece d'accordo con l'affermazione che i sovraccarichi maggiori debbano essere messi ai piani bassi.
La formula 3,1,2 indica la riduzione dei sovraccarichi in base al numero n di piani, ma non dice che la riduzione deve essere applicata ai piani alti.
Quindi si può benissimo mantenere i sovraccarichi pieni sui piani alti e ridurre quelli verso il basso.
E' ovvio che la riduzione riguarda i soli carichi complessivi agenti sui pilastri. I balconi devono essere tutti calcolati per 400 kg/m2.
Ciao.
 
ma... la posso applicare anche per le combinazioni sismiche? E se Si... non è a sfavore di sicurezza considerare i carichi degradanti con l'aumentare dei piani?

Le azioni sismiche dei sovraccarichi si calcolano come aliquota psi2 degli stessi sovraccarichi.
Penso quindi, per coerenza, che se applichi la formula 3.1.2 di riduzione dei sovraccarichi, si riduce automaticamente anche l'azione sismica.
Non sono invece d'accordo con l'affermazione che i sovraccarichi maggiori debbano essere messi ai piani bassi.
La formula 3,1,2 indica la riduzione dei sovraccarichi in base al numero n di piani, ma non dice che la riduzione deve essere applicata ai piani alti.
Quindi si può benissimo mantenere i sovraccarichi pieni sui piani alti e ridurre quelli verso il basso.
E' ovvio che la riduzione riguarda i soli carichi complessivi agenti sui pilastri. I balconi devono essere tutti calcolati per 400 kg/m2.
Ciao.
La norma italiana è abbastanza ambigua su quel punto.
La Circ. richiama direttamente la UNI EN 1991-1-1 che sembra essere più chiara e da una luce diversa anche all'utilizzo di alfa_A (indicato sul carico e non sull'elemento).
La parte sismica invece non ritengo debba modificarsi, in quanto la UNI EN 1998-1 a tal proposito utilizza i coeff. di correlazione dei carichi e ridurre due volte mi sembra eccessivo (ammesso di ritenere valido il filtro degli EC a quanto scucchiaiato dal nostro normatore a colpi di copia e incolla...).
Personalmente comunque ho sempre evitato queste alchimie sui carichi.
 
Ringrazio per le risposte ricevute. Anche io, come dicevo nel messaggio iniziale, ho sempre evitato "certe alchimie sui carichi". A livello di verifiche statiche, ovvero come azione assiale nei pilastri, mi sembra comunque ragionevole poter risparmiare qualcosina anche perché, l'ipotesi di 400kg/mq per tutti gli 8 balconi contemporaneamente è abbastanza improbabile cioè... seve un incidente in strada, davanti al palazzo, il giorno di Natale all'ora di pranzo perché vi possa essere un affollamento contemporaneo su tutti i piani che poi, se tutti sono corsi sul balcone... non sono più in casa: personalmente (ovvio che calcolo i balconi come struttura isolata con 400kg/mq) ma nell'analisi sismica globale, anche considerare il solo 30% di accidentale sul balcone mi sembra esagerato: quando c'è lo stendi biancheria è tanto! Ma... la normativa non dice niente in tal senso quindi... penso che opererò come ho sempre fatto limitandomi ad una verifica alla S.L.U. un po' più "leggera" applicando la [3.1.2] solo per le verifiche statiche.
Il problema comunque non è banalissimo: come vedete dall'immagine dell'Avatar mi piace la F1; non so chi di voi conosce il circuito di Imola ma... appena fuori dal tracciato ci sono delle palazzine dai cui balconi si possono vedere le gare; ecco... in quel caso, NON avrei alcun dubbio e questa richiesta non l'avrei mai formulata.

Grazie ancora.
 
Anche io preferisco evitare queste alchimie.
Tra il serio e il faceto, avendo moglie viterbese:
Ci possono comunque essere eventi eccezionali anche se 400 kg sembrano troppi...
 
Indietro
Top