Strutture in vetroresina per elementi strutturali

Ale321

Well-known member
Messaggi
809
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Piemonte
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. Travilog
ciao a tutti,
ho scoperto oggi l'utilizzo di elementi poltrusi in vetroresina per elementi strutturali (tipo passerelle, piste ciclabili, ecc... )
Li avete mai usati? Come si verificano? Con quale normativa?

grazie
 

Allegati

  • Immagine.png
    Immagine.png
    922,1 KB · Visualizzazioni: 7
in Svizzera hanno realizzato varie costruzioni con materiali plastici, con elementi profilati come quelli in metallo;
l'argomento è trattato nel capitolo del prof. Angelo Di Tommaso e altri in uno dei volumi di "Ingegneria delle strutture" a cura del prof. Giangreco (lo rivedo e ti faccio sapere in che volume, o il primo o il terzo). Siccome mi ero posto il problema anni prima, avendo visto quei profilati se non sbaglio al SAIE di Bologna (la legge 64/74 prevede solo costruzioni in muratura, c.a., metallo, legno e non altri materiali, e così è a tutt'oggi) ricordo che dopo letto quel capitolo, contattai una azienda svizzera che aveva fatto delle strutture che vi erano illustrate e che mi mandò della documentazione (se la ritrovo ti faccio sapere meglio)
 
Ho fatto analisi fem per una perizia, nell'applicazione pratica mi ha sorpreso la "scarsa" capienza del modulo elastico E con tutte le implicazioni relative a deformabilità buckling ecc

saluti
 
Ho fatto analisi fem per una perizia, nell'applicazione pratica mi ha sorpreso la "scarsa" capienza del modulo elastico E con tutte le implicazioni relative a deformabilità buckling ecc

saluti
Perché sorpreso?
È una matrice e, sovente, nella matrice è affogata la fibra di vetro (faccio riferimento ai pultrusi in vetrofibra). Il vetro è "elasticissimo" (è tipo l'alluminio, insomma: tipo 3 volte l'acciaio). Non ci si pensa spesso, però nel suo campo di lavoro il vetro è molto elastico (una roba tipo 70 GPa).
Del resto non è un caso che queste strutture siano spessissimo tralicciate: in pratica si fanno lavorare per sforzo normale.
Sono belle. Sono leggere, Non Arrugginiscono. Sono fantastiche?
Insomma: il problema è unirle e... tenerle lontane dal fuoco (o valutarne bene l'esposizione).
Per il calcolo non mi farei troppi problemi: non hanno nulla di eccezionale.
 
Il capitolo che dicevo è il 18°, volume 3°. Alla fine fa qualche accenno al primo edificio realizzato con profilati pultrusi di GFRP, nel 1998 a Basilea, 5 piani, chiamato "Eyecatcher"

P.S. sull'argomento compositi c'è un simpatico scambio di opinioni tra il prof. Michele Pagano e il prof. Ignazio Crivelli Visconti in questi due numeri del notiziario ingegneri di Napoli
 
Ultima modifica:
Prima si parla di una passerella pedonale nello stabilimento chimico MCE di Stad in Germania, 1997, e del ponte-passerella Kolding Bridge realizzato nello stesso anno in Danimarica, con luce di 38 m
 
Prima si parla di una passerella pedonale nello stabilimento chimico MCE di Stad in Germania, 1997, e del ponte-passerella Kolding Bridge realizzato nello stesso anno in Danimarica, con luce di 38 m
L'impiego di pultrusi in composito fibrorinforzato, allo stato attuale, è particolarmente indicato in ambito industriale oppure offshore per la sua caratteristica di resistenza all'aggressione chimica. Ai pultrusi si può fare ricorso anche quando si voglia sfruttarne la proprietà di radiotrasparenza come capita in aree aeroportuali.
 
Indietro
Top