Tracce impianti muro portante

Marco553

Nuovo iscritto
Messaggi
3
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Veneto
CAD/BIM
  1. Autocad
  2. Revit
Soft. strutture
  1. Ansys
  2. SAP2000
  3. Straus7
Buongiorno,
rifacimento dell’impianto elettrico in fase di restaurazione hanno scavato i muri portanti riducendo lo spessore del muro per fare le tracce.

Si tratta di un appartamento al 1 piano di un condominio di 3 piani, anno 1955, pianura padana, zona sismica passata a 3 da un paio di anni.

La struttura è in muratura perimetrale portante e croce di laterizi pieni che taglia l’appartamento. Hanno scavato 60mm di profondità nei muri portanti di 270mm di mattoni pieni, di cui 20mm di intonaco. Inoltre hanno tagliato orizzontalmente buona parte del muro. Allego foto. Il tutto lo stanno chiudendo con malta fibroriforzata m5.

Sono abbastanza inesperto di murature.

Domande:
1)è necessario un consolidamento del muro per questo tipo di interventi?

2) È una prassi comune nel rifacimento degli impianti? Perché la ditta e i loro muratori e elettricisti non sono affatto preoccupati

3) a danno fatto c’è qualcosa che si può fare per riempire le tracce per consolidare il muro al posto della malata fibrorinfozata m5

Allego foto via link delle tracce e incasso quadro sui muri portanti

Foto

Grazie
 
di questo grave problema (la tecnologia edilizia è rimasta come 1000 anni fa e oltre, si fanno i muri, l'intonaco e poi si demolisce per gli impianti) se ne parla nel libro sulle murature del prof. Hendry (uno dei massimi esperti mondiali sulle murature), Statica delle strutture in muratura di mattoni, Patron ed.,
dovrei aver scansionato in passato alcune pagine al riguardo, se le ritrovo nel pc le posto

P.S. è significativo che le imprese più esperte, per quanto riguarda gli impianti, da tempo scrivono nei preventivi che è esclusa dall'assistenza muraria la chiusura delle tracce :ROFLMAO:
 
quel paragrafo
P.S. si parla di riduzione di resistenza di oltre il 20% (il dato max è 28,5 %) ma in questo caso le tracce sono verticali; quando invece sono orizzontali, secondo me la riduzione di resistenza è proporzionale alla riduzione di larghezza, dato che la muratura ha un comportamento molto non-lineare, quindi un taglio fa spostare il flusso tensionale nelle parti intatte, flusso che resta poi lì (idem come accade nei cordoli fatti con taglio della muratura)
 

Allegati

  • 1.jpg
    1.jpg
    244,2 KB · Visualizzazioni: 22
  • 2.jpg
    2.jpg
    204,2 KB · Visualizzazioni: 20
  • 3.jpg
    3.jpg
    71,2 KB · Visualizzazioni: 19
Ultima modifica:
quel paragrafo
P.S. si parla di riduzione di resistenza di oltre il 20% (il dato max è 28,5 %) ma in questo caso le tracce sono verticali; quando invece sono orizzontali, secondo me la riduzione di resistenza è proporzionale alla riduzione di larghezza, dato che la muratura ha un comportamento molto non-lineare, quindi un taglio fa spostare il flusso tensionale nelle parti intatte, flusso che resta poi lì (idem come accade nei cordoli fatti con taglio della muratura)
Grazie Pasquale. La casa ha anche dei tondini in acciai armati, sotto al solaio e dentro ad alcuni muri portanti. Mi manca la stratigrafia della casa, forse nel 1953 non era richiesta.

In questi casi cosa si fa?
Diciamo che sono alla ricerca di un consiglio di un amico su come procedere. Io non mi occupo di murature, ma di strutture in acciaio e purtroppo sono da poco laureato.
La casa purtroppo è mia e sono cascato, in maniera inesperta, in una ditta che mi ha eseguito questi lavori. Tutta esperienza per il futuro.

Quello che vorrei evitare è di mettere il pericolo qualcuno.
 
Ho chiamato un ing strutturista con esperienza che mi ha fatto un sopralluogo e farà una verifica.

Colgo questa esperienza per imparare tanto per il futuro.

Un saluto
 
Indietro
Top