Verifica plinto su 2 pali con azione eccentrica

Edivad

Well-known member
Messaggi
61
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Lombardia
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. Midas GEN
  2. SAP2000
Ciao a tutti,
Volevo chiedere se c'è un metodo standard con cui si verifca un plinto su 2 pali con azione eccentrica, mediante il metodo tirante-puntone. Grazie mille.
 
non ho capito la domanda. cosa intendi? se il plinto è tozzo lo analizzi con schemi a tirante puntone, che possono essere anche estesi tridimensionalmente
Ciao a tutti,
Volevo chiedere se c'è un metodo standard con cui si verifca un plinto su 2 pali con azione eccentrica, mediante il metodo tirante-puntone. Grazie mille.
 
Penso si riferisca ad una e=M/N che faccia cadere il centro di pressione fuori dal pilastro.
Lo strut&tie è SLU, quindi devi ragionare sulla zona compressa a tale stato limite del pilastro.
Che poi in 3D diventi un casino... testo
 
Penso si riferisca ad una e=M/N che faccia cadere il centro di pressione fuori dal pilastro.
Lo strut&tie è SLU, quindi devi ragionare sulla zona compressa a tale stato limite del pilastro.
Che poi in 3D diventi un casino... testo
si diventa un po' più articolato rispetto ai classici schemi "piani" del plinto tozzo o della mensola tozza, ma penso che si possa risolvere anche, se si vuole essere pigri, con un modellino con 4aste in croce. la sezione dei puntoni è stimabile dalle relazioni dell'aicap (o da altra letteratura sullo strut&tie). le aste tese hanno la sezione delle barre. si può pure complicare il tutto mettendo compression/tension only, molle monolatere ecc ecc.
 
Penso si riferisca ad una e=M/N che faccia cadere il centro di pressione fuori dal pilastro.
Lo strut&tie è SLU, quindi devi ragionare sulla zona compressa a tale stato limite del pilastro.
Che poi in 3D diventi un casino... testo
grazie mille per il documento LuckyStarr75,
si purtroppo c'è un po' di eccentricità proprio nella posizione del pilastro rispetto ai pali di fondazione
 
si diventa un po' più articolato rispetto ai classici schemi "piani" del plinto tozzo o della mensola tozza, ma penso che si possa risolvere anche, se si vuole essere pigri, con un modellino con 4aste in croce. la sezione dei puntoni è stimabile dalle relazioni dell'aicap (o da altra letteratura sullo strut&tie). le aste tese hanno la sezione delle barre. si può pure complicare il tutto mettendo compression/tension only, molle monolatere ecc ecc.
Grazie paolo.scarparo,
la situazione è quella di un plinto su pali con la colonna eccentrica rispetto alla posizione dei pali, ma prima di fare un modello ad aste volevo trovare uno schema equilibrato semplificato.
L'eccentricità non parzializza il pilastro, ma sto cercando uno schema di tiranti e puntoni che risulti equilibrato per verificarne poi i nodi compressi e le aste tese
 
mi sembra di ricordare che il prof. Migliacci sconsigliasse caldamente la soluzione di plinti a due pali (Progetti di strutture vol.1) proprio per l'impossibilità di piazzare il pilastro sulla linea ideale che collega i due centro-palo e suggerisse, nel caso di imposizione della soluzione a 2 pali, di realizzare una struttura ortogonale (p.es. trave portapannelli) in grado di assorbire e diffondere gli effetti di questa ecc. fuori piano, con azioni assiali aggiuntive sui pali adiacenti

saluti
 
ma di quanta eccentricità della posizione del pilastro stiamo parlando?
 
ma di quanta eccentricità della posizione del pilastro stiamo parlando?
in sostanza... la geometria posa pali dovrà rispettare le previsioni progettuali con scarto non superiore a tot cm, Npil * tot potrebbe essere l'azione flessionale da riprendere e diffondere per non andare a caricare il bipalo in modo eccentricamente indesiderato

saluti
 
in sostanza... la geometria posa pali dovrà rispettare le previsioni progettuali con scarto non superiore a tot cm, Npil * tot potrebbe essere l'azione flessionale da riprendere e diffondere per non andare a caricare il bipalo in modo eccentricamente indesiderato

saluti
ops non ho quotato... mi stavo rivolgendo all'autore del post
 
mi sembra di ricordare che il prof. Migliacci sconsigliasse caldamente la soluzione di plinti a due pali (Progetti di strutture vol.1) proprio per l'impossibilità di piazzare il pilastro sulla linea ideale che collega i due centro-palo e suggerisse, nel caso di imposizione della soluzione a 2 pali, di realizzare una struttura ortogonale (p.es. trave portapannelli) in grado di assorbire e diffondere gli effetti di questa ecc. fuori piano, con azioni assiali aggiuntive sui pali adiacenti

saluti
Grazie mille,
l'eccentricità è lungo la congiungente dei pali, inoltre è prevista struttura ortogonale
 
Indietro
Top