Verifica solaio latero cemento con travetto in c.a.p.

G.E.

Member
Messaggi
20
Professione
  1. Lib. prof.
Anni esperienza
2-5
Regione
  1. Campania
CAD/BIM
  1. Autocad
Soft. strutture
  1. EdiLus
Salve, come da titolo ai fini di una Verifica di un nuovo solaio latero cemento con travetto in c.a.p. da depositare presso il genio civile, secondo voi è sufficiente confrontare le sollecitazioni di progetto con i valori tabellati (ritenendo le verifiche soddisfatte sia allo slu che allo sle) oppure no? Generalmente voi come vi comportate?
 
Ciao G.E.
In genere i solai vengono calcolati dalla ditta costruttrice.
A maggior ragione se si tratta di un solaio precompresso.
Il programma Gelfi può essere utilizzato per la sola verifica a pressoflessione di una sezione precompressa.
Oltre alla geometria della sezione occorre anche conoscere il tiro da assegnare ai trefoli.
Dipende dal costruttore ma, in genere, i dati dei trefoli sono questi:
- Tensione di rottura 18600 kg/cm2
- Tensione allungamento 1% 16700 kg/cm2
- Tensione iniziale 14400 kg/cm2
- Tensione finale 11160 kg/cm2 (a tempo infinito)
Nel tuo caso devi fare almeno una verifica con tensione finale finale dei trefoli.
Si riporta un esempio di verifica con Gelfi coi seguenti dati
B = 50 cm
H = 25 cm
Calcestruzzo C28/35
3 trecce nel travetto precompresso 3*0,212 = 0,636 cm2 alla quota di 21 cm dall'alto.
Per semplicità non si inserisce armatura lenta che è comunque obbligatoria almeno agli appoggi dove deve essere inseita una armatura almeno uguale al taglio (agli appoggi non c'è precompressione).
La sezione presenta un momento resistente alla flessione di Mrd = 1944 kgm.
Ciao.

Sezione precompressa.jpg
 
Ciao G.E.
In genere i solai vengono calcolati dalla ditta costruttrice.
A maggior ragione se si tratta di un solaio precompresso.
Il programma Gelfi può essere utilizzato per la sola verifica a pressoflessione di una sezione precompressa.
Oltre alla geometria della sezione occorre anche conoscere il tiro da assegnare ai trefoli.
Dipende dal costruttore ma, in genere, i dati dei trefoli sono questi:
- Tensione di rottura 18600 kg/cm2
- Tensione allungamento 1% 16700 kg/cm2
- Tensione iniziale 14400 kg/cm2
- Tensione finale 11160 kg/cm2 (a tempo infinito)
Nel tuo caso devi fare almeno una verifica con tensione finale finale dei trefoli.
Si riporta un esempio di verifica con Gelfi coi seguenti dati
B = 50 cm
H = 25 cm
Calcestruzzo C28/35
3 trecce nel travetto precompresso 3*0,212 = 0,636 cm2 alla quota di 21 cm dall'alto.
Per semplicità non si inserisce armatura lenta che è comunque obbligatoria almeno agli appoggi dove deve essere inseita una armatura almeno uguale al taglio (agli appoggi non c'è precompressione).
La sezione presenta un momento resistente alla flessione di Mrd = 1944 kgm.
Ciao.

Visualizza allegato 536
Ciao Betoniera, grazie sempre per la celere risposta. La verifica a momento negativo, la fai inserendo nelle sezione da te modellata l’armatura superiore, e spuntando metodo di calcolo slu-? Mentre la verifica allo sle la fai inserendo il momento in esercizio sollecitante (comb. Rara e q.perm) e spuntando metodo di calcolo metodo n?
 
La verifica a momento negativo, la fai inserendo nelle sezione da te modellata l’armatura superiore, e spuntando metodo di calcolo slu-?

La verifica a momento negativo la puoi fare, come hai detto tu, spuntando slu-. Ma devi stare attento ai segni.
Nel tuo caso puoi anche lasciare slu+, considerare una sezione rettangolare di cm 12*25 e invertire i ferri Af1 e Af2. Il momento resistente sarà da intendersi negativo perchè riferito alla sezione girata.
In caso di dubbio usa tutti e due i metodi che devono dare lo stesso risultato.

Mentre la verifica allo sle la fai inserendo il momento in esercizio sollecitante (comb. Rara e q.perm) e spuntando metodo di calcolo metodo n?

Spuntando "metodo n", il programma ti da le tensioni del ferro e del calcestruzzo che devi confrontare con quelle ammissibili.
Ovviamente, qui, è obbligatorio inserire il momento sollecitante e l'eventuale azione assiale da cui dipendono, appunto, le tensioni.
Mentre nel calcolo slu non è necessario inserire il momento sollecitante perchè il momento resistente si calcola in base alla resistenza dei materiali e non dipende dal momento sollecitante. Bisogna, invece, inserire l'azione assiale perchè il momento resistente dipende dall'azione assiale.
L'azione assiale da precompressione viene tenuta già in conto dal programma.
Ciao.
 
Ultima modifica:
La verifica a momento negativo, la fai inserendo nelle sezione da te modellata l’armatura superiore, e spuntando metodo di calcolo slu-?

La verifica a momento negativo la puoi fare, come hai detto tu, spuntando slu-. Ma devi stare attento ai segni.
Nel tuo caso puoi anche lasciare slu+, considerare una sezione rettangolare di cm 12*25 e invertire i ferri Af1 e Af2. Il momento resistente sarà da intendersi negativo perchè riferito alla sezione girata.
In caso di dubbio usa tutti e due i metodi che devono dare lo stesso risultato.

Mentre la verifica allo sle la fai inserendo il momento in esercizio sollecitante (comb. Rara e q.perm) e spuntando metodo di calcolo metodo n?

Spuntando "metodo n", il programma ti da le tensioni del ferro e del calcestruzzo che devi confrontare con quelle ammissibili.
Ovviamente, qui, è obbligatorio inserire il momento sollecitante e l'eventuale azione assiale da cui dipendono, appunto, le tensioni.
Mentre nel calcolo slu non è necessario inserire il momento sollecitante perchè il momento resistente si calcola in base alla resistenza dei materiali e non dipende dal momento sollecitante. Bisogna, invece, inserire l'azione assiale perchè il momento resistente dipende dall'azione assiale.
L'azione assiale da precompressione viene tenuta già in conto dal programma.
Ciao.
Per intenderci meglio. Supponendo di aggiungere alla sezione del tuo esempio, un'armatura superiore pari a 1fi12 e un momento in esercizio pari a 7 kNm abbiamo:
1662374944558.png
1662374865972.png

Giusto? Le tensioni del cls, andranno confrontate in comb. rara con sigmaamm. = 0.6 fck mentre quelle in comb. qper. con sigmaamm = 0.45 fck
 
Giusto?

Attenzione:
- la verifica a momento negativo si fa agli appoggi laterali o intermedi.
- in quelle sezioni i travetti precompressi sono interrotti perchè i travetti si mettono campata per campata.
- Nelle sezioni iniziali la precompressione NON c'è. Nei primi 60-70 cm dall'appoggio le trecce non hanno precompressione.
- quindi, a mio avviso, la verifica la devi fare ad armatura lenta.
- inoltre, anche con Md=0 (ad esempio agli appoggi di estremità) devi comunque mettere sotto una armatura lenta pari al taglio (Afmin = Vd/fy)
Afmin = Area minima di ferro da mettere sotto
Vd = taglio all'estremità
fy = tensione di snervamento acciaio lento.
Ciao
 
si si verifica che il momento indicato nella stampa tecnica sia sostenibile (anche negativo) e si calcola l'armatura aggiuntiva
 
Indietro
Top